Sinodo sulla sinodalità – Come essere Chiesa sinodale in missione?

234
Un momento dell'assemblea sinodale di Roma, ottobre 2023 ©synod.va

Sinodo 2021-2024 – Approfondimento e allargamento, le linee guida per i lavori verso l’Assemblea 2024

  • a cura di Udep (ufficio di documentazione e pastorale)

Il Sinodo universale ci accompagnerà tutto l’anno in vista della seconda sessione del Sinodo dei Vescovi che si terrà a ottobre. Sarà un tempo di preparazione, di riflessione e di pratica sinodale che le chiese locali sono chiamate a fare adottando come roadmap il Documento “Come essere Chiesa sinodale in missione?” e la Relazione di Sintesi del Sinodo dei vescovi 2023. Riportiamo alcune parti del Documento con le linee guida, reso noto dalla Segreteria del Sinodo.

ITA_Documento_VERSO-OTTOBRE-2024_XVI_II-Sessione

Si tratta di linee guida con una vera e propria roadmap in cui l’approfondimento della sinodalità in chiave missionaria e l’allargamento delle esperienze di sinodalità a livello locale costituiscono gli assi portanti su cui le comunità locali sono chiamate a riflettere a partire dalla Relazione di Sintesi adottata al termine della Prima Sessione della XVI Assemblea, il 28 ottobre scorso. Come ha ricordato il Santo Padre nell’approvare queste linee di lavoro, “il Sinodo è sulla sinodalità e non su questo o quel tema… L’importante è come si fa la riflessione, cioè in modo sinodale”. “Partendo dall’esperienza dell’assemblea dello scorso ottobre e soprattutto dalla Relazione di Sintesi che i membri hanno approvato, il Consiglio Ordinario ha deciso un cammino unitario ma differenziato in base alle competenze e possibilità delle singole realtà ecclesiali”, afferma il cardinale Mario Grech, Segretario Generale del Sinodo, e aggiunge “Questo è già un modo sinodale di operare nella Chiesa dove ciascuno coopera al bene di tutti secondo la propria vocazione”.

Alle diocesi è chiesto: 1) in ordine all’approfondimento: promuovere una riflessione che mette al centro il tema della corresponsabilità differenziata nella missione di tutti i membri del Popolo di Dio (cfr. Relazione di Sintesi, ai capp. 8-12, 16 e 18). Alle Chiese locali è chiesto di realizzare una nuova consultazione coinvolgendo persone e gruppi (parroci, organismi di partecipazione, équipe sinodali, ecc.) che esprimono una varietà di esperienze, competenze, carismi, ministeri all’interno del Popolo di Dio e il cui punto di vista risulta di particolare aiuto nel mettere a fuoco il “come” crescere come chiesa sinodale. In questo senso appare imprescindibile il coinvolgimento di esperti e istituzioni accademiche presenti sul territorio, perché sia presente contributo della competenza teologica e canonistica, oltre che delle scienze umane e sociali rilevanti.

2) in ordine all’allargamento delle esperienze di sinodalità: di continuare o promuovere nuove iniziative per crescere come chiesa sinodale in missione, con esperienza di formazione e di ascolto che coinvolgano anche quanti finora non sono stati toccati dal processo, gruppi che vivono in condizioni di povertà e marginalità sociale così come cristiani di diverse confessioni e persone di altre religioni; di raccogliere e trasmettere testimonianze e buone pratiche da inviare alla Segreteria del Sinodo tramite le Conferenze episcopali o le Strutture Gerarchiche Orientali.

Per facilitare il lavoro delle comunità locali, la Segreteria Generale ha predisposto una possibile scheda di lavoro tesa ad aiutare il lavoro di ricezione dei frutti dell’assemblea sinodale di ottobre e proseguire il cammino sinodale di conversione nelle Chiese locali. La scheda è disponibile su synod.va.

Parallelamente, la Segreteria Generale del Sinodo promuoverà e coordinerà la riflessione su alcune questioni “di grande spessore” presenti nella Relazione di Sintesi che richiedono di essere trattate a livello della Chiesa tutta intera e in collaborazione con i Dicasteri della Curia Romana. Secondo la modalità che è propria delle Assemblee sinodali, verrà sottoposto al Santo Padre una lista di temi. Sui temi che Papa Francesco indicherà, saranno chiamati a lavorare in maniera sinodale gruppi di esperti di tutti i continenti, con il coinvolgimento dei Dicasteri competenti della Curia Romana. Alla Seconda Sessione di ottobre 2024 sarà presentata una relazione sull’avanzamento di questi lavori.


Sul Sinodo 2021-2024 si legga anche:

Conclusa l’assemblea sinodale a Roma. Uno sguardo al documento di sintesi. La reazione dei vescovi tedeschi | Delegazione-mci

Ma che cos’è questo sinodo? – Convegno laici 2023 – Sintesi relazione finale prof. Autiero | Delegazione-mci

Chi e quanti sono i partecipanti all’Assemblea Generale del Sinodo e l’instrumentum laboris | Delegazione-mci

La metamorfosi del Sinodo dei Vescovi e il voto dei “non vescovi”: una traccia di divisione dei poteri? | Delegazione-mci

Sinodo 2021-2024. Mons. Costelloe “C’è più di un modo di essere Chiesa” | Delegazione-mci

Sinodo universale – Il testo per la tappa continentale del Sinodo „Allarga lo spazio della tua tenda“ | Delegazione-mci

Il Sinodo sulla Sinodalità si prolunga fino al 2024 | Delegazione-mci

Il cammino sinodale in Germania nell’orizzonte del sinodo universale | Delegazione-mci

Un sinodo per cambiare | Delegazione-mci

Apertura del Sinodo: Comunione, partecipazione e missione | Delegazione-mci