Circolare 05.2019

371

Carissimi,

ci avvicininamo alla conclusione dell’anno pastorale. Siamo già nel periodo della mietitura pastorale. In tante nostre Comunità hanno luogo le Cresime, le prime Comunioni, i matrimoni di coloro che si sposano qui (la maggioranza pare optare ancora per l’Italia, nei mesi estivi, per i costi molto più bassi della festa, mi dicono). In ogni caso: è bello constatare che non abbiamo lavorato invano. Prima che feste delle singole famiglie, sono feste della Comunità parrocchiale.

Tenuto il Convegno Nazionale dei Laici Guidato da don Marwan Youssef, docente di teologia biblica, professore del Corso di Teologia per Laici della Zona Centro e dal primo maggio nuovo Missionario a Lippstadt, si è tenuto nello scorso fine settimana (3-5 maggio 2019), nella tradizionale sede del Berg Moriah a Simmern/Ww, il Convegno Nazionale dei Laici. Giunto alla decima edizione e curato fin dagli inizi dal vicedeleato mons. Donatelli e dalla rappresente dei volontari nel Consiglio di Delegazione signora Teresa Sepe, non ha registrato la partecipazione degli ultimi anni, ma non per questo è stato meno interessante. Relazioni e dibattiti si sono svolti sul tema “Il cristiano, sale e luce nell’oggi”. Scrive Carolina Giona nell’articolo fato per il Corriere d’Italia in distribuzione in questi giorni: “L’essere cristiano non è solo una prassi liturgica, è di più…è integrarsi nel mondo in cui viviamo con competenza! I discepoli sono ‘sale’ e ‘luce’ proprio perché ‘si mettono al servizio’ di ciò che di bello trovano negli uomini. Sono soprattutto al servizio dei rapporti, li rendono possibili quando non esistono e li rendono belli quando esistono già”. Il Convegno Nazionale dei Laici del prossimo anno si terrà nei giorni 24-26 aprile 2020, su tema da fissare.

Zona Nord: incontro per i volontari il 18 maggio a Colonia – La Zona Nord organizza per sabato 18 maggio 2019, presso la Missione di Colonia (Ursulagartenstr. 18) una giornata di formazione per i collaboratori volontari delle Comunità della zona. L’incontro prevede gli arrivi dalle ore 9.30, l’inizio dei lavori alle 10.00, fino alle 15.30, con l’interruzione del pranzo (alle 13.00), per il quale si chiede un contributo di 5 euro a persona. È rivolto a tutti i collaboratori volontari nelle Missioni del Nord che desiderano avere un momento formativo comune, un’occasione di incontro, di conoscenza reciproca, di scambio di esperienze, oltre che di informazioni sul lavoro pastorale nelle diverse Comunità. Relatore della Giornata è don Pierluigi Vignola, missionario di Amburgo e Coordinatore delle Mci della Zona Nord. Per motivi organizzativi, si chiede agli interessati di iscriversi entro il 13 maggio da Raffaele Garofalo (tel. 0176 21568919), volontario presso la Missione di Colonia e rappresentante dei giovani nel Consiglio di Delegazione.

MCI di Mannheim: termina il mandato di don Valerio – Scade quest’anno la Convenzione tra le arcidiocesi di Freiburg im Br. e di Oristano (Sardegna), in vigore dall’8.1.2008 e rinnovata per un ulteriore quinquennio nel 2014, per l’impiego pastorale di don Valerio Casula come Leiter della Missione Cattolica Italiana di Mannheim. La Convenzione non viene rinnovata. La diocesi di Freiburg lo aveva fatto sapere già da parecchi mesi al vescovo di Oristano mons. Ignazio Sanna. Con lettera del 5 aprile 2019 ora il vescovo ausiliare di Freiburg dr. Peter Birkhofer comunica a don Valerio Casula che con il 31 maggio 2019 termina il suo incarico di responsabile della Comunità di Mannheim. Lo ringrazia per il suo grande impegno pastorale, con cui tra l’altro ha saputo motivare tanti nuovi volontari, e gli augura ogni bene per il nuovo servizio presbiterale che gli verrà affidato. Diverse persone e istituzioni, tra cui il Consiglio Pastorale ed il Console Generale a Stoccarda dr. Massimo Darchini, si sono attivati per chiedere al vescovo di Freiburg un prolungamento del mandato di don Valerio. Il dr. Birkhofer ha risposto a tutti, spiegando le ragioni della decisione, non ultima la prassi diocesana dell’avvicendamento tra i parroci dopo 10 anni di servizio in una Comunitá. Domenica 26 maggio, nella chiesa St. Michael di Mannheim, alle ore 10.00 hanno luogo le Prime Comunioni e le Cresime, con il card. Becciu: una grande cornice liturgica e pastorale, per un adeguato saluto. La Delegazione si unisce alla gratitudine del Vescovo ed al grande grazie dei parrocchiani. A don Valerio i migliori auguri.

Lippstadt. Laddio di p. Pierino Comunità. Come già comunicato, il primo di maggio, p. Pierino Natali ha cessato il suo servizio alla Missione di Lippstadt. Ecco come sul mensile parrocchiale Itallippe di aprile si è congedato: “Aprile è il mese della Resurrezione e ultimo mese del mio servizio alla Comunità Italiana di Lippstadt. Mi sostituirà p. Marwan, già lo sapete! (…) In questi anni ho sempre tenuto lo sguardo su Gesù e con voi ho vissuto il mio sevizio con fiducia e serenità. Ho imparato a conoscervi, a stimarvi e nel limite del possibile a servirvi.  Non sempre ci sono riuscito, ma sento che ho fatto il possibile. Mi sono avvicinato a voi con rispetto e amicizia. Ho partecipato volentieri alle vostre gioie: nascite, battesimi, comunioni, cresime e matrimoni e anche alle vostre sofferenze: malattie e preoccupazioni di famiglie e lutti! Come è complicata qualche volta la vita. Ma tutto abbiamo vissuto alla luce della fede. Sempre nella nostra vita abbiamo sentito Gesù che dice: ‘Non abbiate paura, fidatevi di me… come il Padre ha mandato me e mi sono fidato di Lui, così anche voi, fidatevi di me’. Con questa certezza abbiamo camminato in questi 28 anni, e ora sto terminando la mia corsa con voi tutti.  Ringrazio il Signore con voi. Siete stati un dono per me e per il mio cammino di fede verso il Signore. La Parola di Dio, l’Eucarestia, e gli incontri di fede che abbiamo vissuto insieme, e tanti vostri esempi di fortezza, mi hanno dato coraggio e forza! Ho camminato con voi come fratello e giorno per giorno ho imparato a vivere nella fede. Il Buon Dio ci accompagni e ci guidi ciascuno nel suo cammino verso di Lui. A tutti dico: ‘Coraggio nel Signore’! Vi auguro ogni bene e con un abbraccio fraterno, vi saluto tutti di cuore! Natali p. Pierino scj, missionario”.

Lippstadt. Il nuovo missionario don Marwan si presenta – Sabato  11 maggio 2019 con la messa delle 17.30 nella chiesa S. Nicolai, la Comunità di Lippstadt si congeda ufficialmente da p. Pierino e dà il benvenuto al suo successore, in servizio dal primo maggio. Così il nuovo missionario don Marwan si presenta su Itallippe di maggio: “Carissimi fratelli e sorelle, da piccolo sono cresciuto contemplando il Cedro gigante, sempre verde ed eterno del Libano insieme alle colline antiche incoronate dal bianco talmente vecchio ma pieno di sapienza. Lì ho capito gradualmente che vivere significa oltrepassare con saggezza i limiti del piccolo e varcare le limitatezze del 10450 Km2 per incontrare le varietà delle culture e le ricchezza delle tradizioni umane. Così all’esempio del mio compaesano e gran filosofo Jibran Khalil, sono partito senza guardare indietro per abbracciare la vita e condividerla con il maggior numero di miei co-umani. Non ho voluto dunque esistere in un luogo, piantato come tutti gli altri esseri viventi in un ambiente monocolore sicuro. Questa stessa vita mi ha portato da voi in questa fase del mio cammino per essere il vostro missionario. La missione è comunque di portarvi il Logos incarnato in Gesù il Messia. In questi mesi non ho fatto altro che ascoltare le vostre voci e vostri pensieri. Ho saputo che nel mondo di oggi, nonostante tanti successi sociali ed economici, avete anche i vostri momenti di sofferenza e di fatica giornaliera. Per questo, ho deciso piano piano di trasformare la missione in una oasi di riposo spirituale. E di pause dove potete prendere il vostro tempo e pensare su come vivere pienamente invece di solo esistere. Questa via, non l’ho inventata, bensì sarà la continuità dell’opera fondata da P. Pierino che mi ha mostrato in questi mesi tanta sapienza, fiducia, amore e umiltà. A lui dedico le ultime mie parole ringraziandolo a nome vostro di tutto il bene tangibile e morale che ha fatto per ognuno di voi. Non sarò mai alla sua altezza nella bontà e nella saggezza ma farò comunque del mio meglio e far crescere ciò che ha piantato e annaffiato in questi anni. Che il Cristo risorto sia sempre la vostra luce”. Grazie p. Pierino, auguri don Marwan.

Christus vivit. Esortazione Apostolica sui giovani. “Migranti come paradigma del nostro tempo”. Così Papa Francesco presenta i migranti nell’Esortazione Apostolica post sinodale “Christus vivit”, “Cristo vive”, dedicata ai giovani e resa nota il 2 di aprile 2019. Nel documento il Papa ricorda i tanti giovani coinvolti nelle migrazioni. “La preoccupazione della Chiesa – scrive – riguarda in particolare coloro che fuggono dalla guerra, dalla violenza, dalla persecuzione politica o religiosa, dai disastri naturali dovuti anche ai cambiamenti climatici e dalla povertà estrema”: sono alla ricerca di un’opportunità, sognano un futuro migliore. Altri migranti sono “attirati dalla cultura occidentale, nutrendo talvolta aspettative irrealistiche che li espongono a pesanti delusioni. Trafficanti senza scrupolo, spesso legati ai cartelli della droga e delle armi, sfruttano la debolezza dei migranti”. Papa Francesco segnala la “particolare vulnerabilità dei migranti minori non accompagnati”: in alcuni Paesi di arrivo – scrive – i fenomeni migratori suscitano “allarme e paure, spesso fomentate e sfruttate a fini politici. Si diffonde così una mentalità xenofoba, di chiusura e di ripiegamento su se stessi, a cui occorre reagire con decisione”. I giovani migranti spesso sperimentano anche uno sradicamento culturale e religioso. Il Papa chiede “in particolare ai giovani di non cadere nelle reti di coloro che vogliono metterli contro altri giovani che arrivano nei loro Paesi, descrivendoli come soggetti pericolosi”.

Tessitori di Comunità” – Si è tenuto nei giorni 24-26 aprile 2019 a Seveso, presso il Centro pastorale Ambrosiano, il Convegno Nazionale della Fondazione Migrantes sul tema “Tessitori di comunità. Colori diversi per una unica tenda”. Tra i vari momenti del convegno la Migrantes online ricorda: l’apertura con il Segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana mons. Stefano Russo; il confronto con i documenti del Sinodo minore della diocesi di Milano sulla “Chiesa dalle Genti”; i lavori in 11 gruppi con altrettanti temi; la visita in diverse parrocchie della diocesi dopo una celebrazione nella basilica di Santo Stefano Maggiore, nel centro di Milano, presieduta da mons. Guerino Di Tora, presidente della Fondazione Migrantes e della Commissione Cei per le Migrazioni. La celebrazione del giorno conclusivo è stata presieduta dall’arcivescovo di Milano mons. Mario Delpini, che ha anche partecipato alla fase finale del convegno, rispondendo alle molte domande dei circa 150 congressisti (direttori diocesani e regionali Migrantes, operatori pastorali, missionari degli italiani all’estero, cappellani degli stranieri in Italia). Una Chiesa che è sempre in cammino, ha detto in conclusione mons. Di Tora, sottolineando come il Sinodo “Chiesa dalle genti” di Milano è stato un passo importante anche per altre diocesi. La speranza è “di riuscire a costruire una società nuova in cui non esistono differenze”. Sulla stessa linea don Gianni De Robertis, Direttore generale della Migrantes, che ha rimarcato “il compito di mostrare il potere dei segni promuovendo una nuova cultura del dialogo, dell’ascolto e dell’incontro per costruire tessuti di comunità. Parlare oggi di accoglienza ed integrazione – ha spiegato – rappresenta una sfida per il futuro dell’ Italia e dell’Europa. Occorre ripartire anzitutto dall’incontro delle persone, dallo sguardo su ciascuno come portatore di una ricchezza perché c’è una grande differenza quando si ragiona per generalizzazioni e quando invece ci si mette di fronte al volto dell’ altro, alla storia dell’altro”.

Corso Migrantes Linee di pastorale migratoria (Roma, 1-5 luglio 2019). Organizzato ogni anno dalla Migrantes, tra l’altro per i missionari destinati alle Comunità degli italiani all’estero, il corso di pastorale migratoria della Migrantes “Linee di Pastorale Migratoria” si terrà quest’anno dal 1° al 5 luglio 2019 a Roma, presso Casa Lasalle (via Aurelia 472). Sarà aperto dal saluto mons. Guerino Di Tora, presidente della Migrantes e chiuso da don Giovanni De Robertis, sui punti più importanti. Tra le altre relazioni ricordo: “Il magistero sociale sulle migrazioni” (prof. Gioacchino Campese), “Storia della Migrantes” (dr. Simone Varisco), “Lo statuto della Fondazione Migrantes” (don De Robertis), “Storia dell’immigrazione italiana” (dr. Michele Colucci), “La condizione dei migranti e l’impegno per la giustizia” (dr. Marco Omizzolo), “Il diritto di asilo in Europa e in Italia” (dr.ssa Cristina Molfetta), “Rapporto Italiani nel mondo 2018” (dr.ssa Delfina Licata), “Rapporto Immigrazione 2018” (dr. Simone Varisco), “Il dialogo ecumenico e interreligioso nella cura pastorale dei migranti” (don Giuliano Savina). Per coloro che ancora non l’hanno fatto, allego come iscriversi, le note organizzative ed il programma.

Ricordato don Luigi Fraccari. A110 anni dalla nascita (24.1.1909), 10 dalla inaugurazione del busto a Sant’Ambrogio di Valpollicella (8.4.2009), 75 anni dalla partenza per la Germania (18.4.1944), 10 anni della “Fondazione Casa Pio XII” in Berlin-Zehlendorf, il “Comitato in ricordo di Mons. Fraccari” ed il Comune di Sant’Ambrogio hanno commemorato mons. Fraccari il 25-26 aprile. Ne dà notizia mons. Ridolfi in una breve cronaca su Migrantes online. Da Berlino è venuta una delegazione della “Stiftung Haus Pio XII” guidata dal presidente Klaus-Juergen Eberhardt e dalla segretaria generale Waltraud Schmelzer. Dopo la manifestazione al monumento, è seguita una concelebrazione con don Giuliano Gandini (ex missionario in Germania) e Mons. Silvano Ridolfi (già direttore dei missionari italiani in Germania negli anni 1966-71 e poi direttore UCEI/Migrantes), che ha tenuto l’omelia ricordando anche don Luigi, “sacerdote dall’ottimismo contagioso” e primo missionario italiano di emigrazione in Berlino a guerra finita, sostenendo la ripresa e lo sviluppo di quella comunità di emigrati italiani con sede in Berlin-Zehlendorf (Sophie-Charlottestr. 31), anche con l’acquisto di una sede adatta per l’assistenza a bisognosi e luogo di incontri. Il giorno 26 la commemorazione è proseguita nel Municipio di Caprino, luogo di nascita di Mons. Fraccari, e poi alla sua casa natale in Pazzon di Caprino Veronese. Dopo il suo rientro in Italia per ragioni di salute nel 1979 la Missione di Berlino ha continuato l’assistenza pastorale agli italiani con diversi sacerdoti, purtroppo peregrinando come sede di luogo in luogo, non potendo più usufruire delle Case Pio XII e Giovanni XXIII in Berlin-Zehlendorf causa la loro motivazione fondativa di assistenza agli anziani e/o fanciulli bisognosi di Berlino.

In breve. Don Mario Mucci della diocesi di Trento, si offre come sostituto temporaneo per il periodo che va da maggio a settembre (massimo ottobre), in una MCI qualora servisse. Conosce il tedesco, ha fatto pervenire la lettera di consenso del suo vescovo e il documento del casellario giudiziario. I suoi contatti sono mariomucci@libero.it, cell. 329/8374452.

Matteo Biagio Rizzo, di 25 anni, in possesso della laurea triennale in Scienze Religiose conseguita alla facoltà Teologica Pugliese, è disponibile da settembre ad un lavoro in Germania, come insegnante IRC o attinente al titolo di studio. Qui vorrebbe anche proseguire gli studi teologici e filosofici. È disponibile a imparare velocemente il tedesco. Email: matteo.biagio.rizzo@gmail.com.

Abbiamo iniziato la spedizione del volume di mons. Ridolfi sulle MCI in Germania e Scandinavia. Arrivato alla vigilia di Pasqua, non abbiamo fatto a tempo a mandarlo come strenna pasquale. Chi vuole oltre al volume d’ufficio altre copie, le chieda presso la segreteria della Delegazione.

Iscrizioni al Meeting Giovani: ricordo che scadono il 12 maggio, e vanno fatte al link goo.gl/up9fDq. Il Meeting si tiene il 14-16 giugno 2019 presso la Fraternità Francescana di Aschaffenburg (Kapuzinerplatz 8) ed è riservato ai giovani dai 18 ai 30 anni. Per ogni informazione scivere a mci.giovani@gmail.com.

I Delegati ed i Referenti delle Comunità d’altra madre lingua in Germania, convocati dal Nationaldirektor dr. Lukas Schreiber, si incontrano martedì 14 maggio a Würzburg. Tra i punti all’ordine del giorno, oltre alle loro informazioni: le comunicazioni della XIV Commissione e dei delegati nel ZdK, le prospettive pastorali per le nostre Comunità, la nostra partecipazione all’Ökumenischer Kirchentag del 12-16 maggio 2021 a Francoforte.

Si è costituita in Germania la Segreteria Nazionale del Rinnovamento nello Spirito Santo. Questo il recapito per ogni informazione: Lustri Liliana, Missione Cattolica Italiana di Rüsselsheim, Königstädter Str. 111 – 65428 Rüsselsheim, tel. 06142/63646, E-mail: l.lustri@cci-ruesselsheim.de, aperta nei giorni di lunedi, mercoledi e giovedi dalle 10.00 alle 12.00.

Pellegrinaggi a Lourdes: il responsabile europeo don Gregorio Aiello (tel +32 474 713285, email amicogreg@tiscali.it) chiede di fargli sapere il numero dei partecipanti dalle nostre Comunità, in modo da poterlo comunicare al servizio di accoglienza del Santuario. Nota poi che quest’anno è richiesto un contributo di 2,5 a pellegrino per ogni giorno di permanenza a Lourdes. Ritiene opportuno trovarsi insieme per la consegna della quota, dato che tutti i pellegrini delle Mci in Europa sono registrati come un solo gruppo (Mission Catholique Italienne en Europe). Si prenda quindi diretto contatto con don Gregorio. In allegato la conferma del programma.

Scusate se da venerdì scorso fino ad oggi, per motivi tecnici la Delegazione non è stata raggiungibile né per telefono né per posta elettronica.

Domenica prossima 12 maggio è la festa della mamma. Diverse nostre Comunità le festeggiano alla grande. In tutte le Missioni saranno presenti nelle preghiere delle Messe. Il mio pensiero va a tutte le nostre mamme, vive o defunte, grato per averci sostenuto nella vocazione cristiana, sacerdotale, religiosa, laicale, sull’esempio di Maria, cui è dedicato questo mese. Buone feste e cari saluti.

p. Tobia Bassanelli, Delegato