Circolare 01/22

321

Carissimi,

abbiamo iniziato un nuovo anno all’insegna della pandemia, che probabilmente modificherà in parte la nostra programmazione, almeno ancora per diversi mesi, costringendoci per esempio a incontri da remoto quando li pensavamo dal vivo. Nonostante tutto, lo auguro buono.

La consultazione. Martedì 14 dicembre si è chiusa la consultazione tra il personale assunto nella pastorale delle nostre Comunità per individuare le possibili candidature alle cariche di Delegato Nazionale e del rispettivo Vice. Il risultato dello spoglio delle schede rientrate, 85 sulle 117 mandate, avvenuto in Delegazione venerdì 17 dicembre, è stato subito spedito al Direttore Generale della Migrantes don Giovanni De Robertis, che dopo essersi consultato con il presidente della Cemi mons. Perego ha mandato la proposta di nominativi della Migrantes al Nationaldirektor dr. Lukas Schreiber. Al momento è in corso nei competenti organismi della Conferenza Episcopale Tedesca la pratica per arrivare alla nomina del nuovo Delegato e del Vice, che avverrà in occasione della Assemblea primaverile d’inizio marzo. Alcuni dettagli sul voto: su 83 missionari aventi diritto hanno votato in 58, tra i collaboratori pastorali 20 su 26, tra le suore 7 su 8. Mi sembra una buona percentuale. Ai primi tre posti per il Delegato troviamo don Gregorio Milone (27), don Giuseppe Cagnazzo (24) e don Pierluigi Vignola (20); per il vice-delegato invece p. Gelsomino Antonio (21), don Marek (10) e don Gregorio Milone (9). In allegato i risultati.

Le votazioni per il nuovo Consiglio di Delegazione. Mentre il Delegato ed il Vice sono nominati dalla Conferenza Episcopale Tedesca, tutti gli altri membri del Consiglio di Delegazione vengono votati dalle Zone e dalle categorie che vi sono rappresentate. A partire dal mese di febbraio, ad esclusione della Zona Sud che ha già votato (vedi la circolare di novembre). Le Zone Nord e Centro voteranno per posta i coordinatori ed i vice, dopo gli incontri di febbraio. La Baviera voterà invece dal vivo, nella riunione del 4 febbraio. I collaboratori pastorali assunti (Hauptamtliche) voteranno per posta, su iniziativa della Delegazione. Il Team Meeting giovani curerà il voto per il rappresentante dei giovani nel CdD. I rappresentanti dei volontari e dei Presidenti dei Consigli Pastorali verranno votati dai 18 delegati delle quattro Zone pastorali (5 ognuna, 3 per la Baviera), sulla base delle candidature proposte dalle Comunità.

La Migrantes a noi e alle nostre Comunità. Nella lettera di auguri per il Natale mandata dal Direttore Generale della Migrantes don Gianni De Robertis ai Delegati/Coordinatori dell’Europa e rispettivi collaboratori (in allegato) vengono ricordate “le belle giornate passate insieme a novembre, e le parole di incoraggiamento che ci ha rivolto papa Francesco:’Cari fratelli e sorelle, vi ringrazio per quello che fate. Vi incoraggio a proseguire nel vostro impegno e a pensare con creatività a una missione che guardi al futuro delle nostre comunità, perché siano sempre più radicate nel Vangelo, fraterne e accoglienti’. La Migrantes sta “preparando gli Atti del convegno e pensando come raccogliere e rilanciare queste riflessioni e farle arrivare ai nostri Vescovi. Abbiamo anche fatto pervenire al Santo Padre per la sua carità verso i migranti e i profughi la somma di 40.000 euro, frutto della vostra colletta (32.370,12) e di una nostra integrazione”. Dopo un pensiero al Natale, quest’anno caduto “proprio mentre muove i primi passi il cammino sinodale nelle nostre Chiese”, l’invito “a camminare insieme.Facciamo in modo che le nostre MCLI non restino ai margini di questo cammino…Interrogatevi fra di voi ma anche insieme alle parrocchie e alla gente del paese dove vi trovate a vivere. E se possibile fate arrivare la vostra voce anche a noi, perché anche la Chiesa italiana sappia accompagnarvi nel modo giusto”.

Avviata la Scuola di Teologia per i laici. Sabato11 dicembre 2021 è iniziato il corso di teologia per i laici, dedicato quest’anno al tema della Chiesa, in considerazione anche del Cammino sinodale in corso già da due anni in Germania ed al Sinodo universale promosso dallo scorso autunno dal Papa. La prima lezione, in videoconferenza, è stata tenuta dal biblista p. Fernando Armellini, su “La Chiesa delle origini” (da Gesù alla Comunità primitiva, secondo gli Atti degli Apostoli e le Lettere apostoliche). Per rivedere la lezione cliccare qui. Sul sito Internet della Delegazione (www.delegazione-mci.de) è possibile leggere le due dispense distribuite ai partecipanti, come pure vedere tutto il programma della scuola. La prossima lezione sarà sabato 26 febbraio 2022, sempre in videoconferenza e aperta a tutti, al solito orario (9.30-15.30, con pausa di un’ora per il pranzo) e verrà tenuta dal professore di storia della Chiesa don Renato Roux su “La Chiesa del Vaticano II” (i documenti conciliari e la riscoperta del Popolo di Dio). Don Renato è stato missionario a Darmstadt, docente all’Università di Mainz e di Erfurt, e ora è rettore della Facoltà di Teologia di Lugano.

Nuova offerta formativa per le coppie. Come già annunciato precedentemente, su precisa richiesta emersa nelle videoconferenze con i collaboratori volontari, la Commissione Famiglia, dopo alcuni incontri da remoto promossi dall’Udep, propone ora diversi incontri virtuali per le coppie, a integrazione non sostituzione dei corsi prematrimoniali già in atto nelle Comunità. Paola ha ultimato il programma, che allego invitando i missionari a dare la massima pubblicità nelle proprie Comunità, informando almeno le coppie che si stanno preparando al matrimonio o da poco sposate. Il corso si sviluppa su cinque incontri serali, della durata di 90 minuti, a partire dalle ore 20.00, guidato da appositi esperti. Inizia giovedì 17 febbraio, partendo dalle esperienze delle coppie iscritte. Prosegue il 3 marzo, sui meccanismi psicologici e antropologici che presiedono la costruzione della relazione. Il terzo incontro è di carattere biblico mentre il quarto affronta il sacramento del matrimonio. Il corso si conclude il 12 aprile, sulle problematiche etiche e le situazioni di fragilità della coppia.

Presentato “Il diritto d’asilo. Report 2021“. Il 14 dicembre 2021 sul canale YouTube della Cei è stata presentata l’edizione 2021 sul Diritto di Asilo, giunta alla quinta edizione. Il Rapporto è dedicato al mondo dei richiedenti asilo e dei rifugiati, questa volta in particolare sugli „ostacoli verso un noi sempre più grande”, come dice il sottotitolo, chiaro riferimento al tema della Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato celebrata il 26 settembre. Il Rapporto 2021, come recita il breve testo a ridosso della copertina „ricostruisce il quadro delle guerre e delle altre crisi che portano il numero delle persone in fuga nel mondo al più elevato livello di sempre, benchè siano sempre meno i migranti che ottengono protezione in Europa, dove invece ritornano le frontiere interne, con una diffusione impropria dei controlli, e dove la solidarietà sembra declinata solo in chiave difensiva ed escludente, come mostra la più recente proposta di Patto europeo su immigrazione e asilo“. Curato da Cristina Molfetta insieme a Chiara Marchetti, il volume si augura di „aiutare a costruire un sapere fondato sul rispetto a chi è in fuga, a chi arriva a chiedere protezione nel nostro continente e nel nostro, che ci aiuti a restare o ritornare umani”.

DBK: “Fachtagung zur muttersprachlichen Seelsorge”. La seconda settimana di gennaio si apre per la Chiesa in Germania con un importante appuntamento: ha infatti luogo lunedì 10 e martedì 11 gennaio, come annunciato nella precedente circolare, la conferenza degli operatori tedeschi e stranieri attivi nella pastorale delle migrazioni e delle Comunità d’altra madre lingua. Prevista dal vivo a Bensberg, la situazione pandemica costringe a incontrarsi sulla piattaforma Cisco Webex. Viene aperta dal saluto introduttivo dell’arcivescovo di Amburgo dr. Stefan Heße, presidente della Migrationskommission della Conferenza episcopale tedesca. Seguono le relazioni dei professori Salvatore Loiero (Freiburg/Ch) e Bernd Hillebrand (Freiburg i.Br.), e dei Delegati M. Wilkosz (Hannover) e F. Carbonell (Bonn). Il pomeriggio è dedicato ai lavori in piccoli gruppi, per una riflessione “creativa”, che dovrà concretizzarsi nei cinque gruppi di studio della mattinata seguente (il terzo, su cooperazione e partecipazione, è coordinato da Isabella Vergata Petrelli e Michael Becker). Tocca ancora a mons. Heße tirare le conclusioni. Io partecipo con Paola Colombo (Udep), che presenta una sintesi delle proposte uscite al Convegno Europeo e nella parte del questionario sui rapporti con la chiesa locale. Lo scopo della Conferenza? Migliorare la “communio” in una chiesa con tante nazionalità e culture, individuando anche le prassi e le strutture più adeguate.

L’ultimo „migranti press” del 2021. Nel mese di dicembre è arrivato in tutte le nostre Comunità il numero 11-12 (novembre-dicembre 2021) del mensile „migranti-press” della Migrantes. Come risulta chiaramente fin dalla copertina, è incentrato sul XXX Rapporto Immigrazione della Caritas Italiana e della Migrantes. A questo avvenimento è dedicato sia l’editoriale del card. Gualtiero Bassetti „Sovrabbondare la speranza…in un tempo di incertezza”, sia due articoli della sezione “in primo piano”: „Storie che fanno un ‚Noi sempre più grande’”, di Simone M. Varisco, e „Una rete di accoglienza che non stringe”, progetti che hanno sempre messo al centro l’integrazione dei giovani, di Alessio Mirtini. Mi aspettavo che almeno la sezione sugli „Italiani nel mondo” fosse dedicata al Convegno Europeo delle Comunità/Missioni di lingua italiana in Europa (9-12 novembre a Roma), a cominciare dal discorso del Papa ai 150 convegnisti ricevuti l’11 novembre in udienza. Invece non c’è nulla. Forse non si è fatto a tempo. Sono presenti invece questi due articoli: „Un medico apprezzato tra le corti europee…il vicentino Angelo Sala”, di Nicoletta Di Benedetto, e „Gli anni dell’utopia”, un libro sull’emigrazione attraverso la storia di Giuseppe Sammarro, recensione a cura di Giacinto De Pasquale. Interessanti, ma potevano aspettare e lasciare il posto al Convegno Europeo delle Mci, cui sarà sicuramente dedicato il prossimo numero.

Al Delegato del Belgio don Gregorio Aiello il premio Spartenze 2021. Giovedì 30 dicembre 2021, nella cattedrale di Rossano (Cosenza, Calabria), l’arcivescovo mons. Maurizio Aloise e il direttore del Festival G. Sommario hanno consegnato a don Gregorio Aiello, missionario dal 2006 a Genk (Belgio), il premio Spartenze 2021, in omaggio al lavoro delle Missioni italiane nel mondo. La consegna del premio è stata l’occasione per l’incontro su “Il ruolo delle Missioni Cattoliche di lingua italiana nel mondo”, durante il quale è stata ricordata la figura di mons. Antonio Cantisani, primo presidente della Migrantes, molto impegnato per gli italiani all’estero. Sul ruolo prezioso delle 400 missioni italiane nel mondo è intervenuto il Segretario Generale della Migrantes don Giovanni De Robertis, sottolineandone l’aspetto di “casa” per i connazionali e di “ponte” con le chiese locali. In allegato il servizio dell’agenzia stampa Aise del 3 gennaio. A don Gregorio, che per la Migrantes coordina il lavoro di tutti i sacerdoti italiani in Belgio, congratulazioni e auguri.

Deceduto Mons. Eraldo Carpanese. La morte improvvisa è avvenuta il 29 luglio 2021, all’età di 84 anni, dopo un lungo periodo di malattia (era affetto dal morbo di Parkirson dal 2006). Ma solo recentemente ne sono venuto a conoscenza. Nato nel 1936 a Santo Stefano d’Aveto (provincia di Genova e diocesi di Piacenza-Bobbio), dove è stato anche parroco, don Eraldo Carpanese è stato ordinato sacerdote il 27 maggio 1961. La disponibilità a lavorare per gli italiani all’estero lo porta nel 1966 in Germania, a Mühlacker, come vicario cooperatore per la missione di Ludwigsburg. Dopo due anni viene mandato a Londra, nel pieno delle contestazioni del ’68, e quindi nel 1970 a Stoccolma, dove rimane per 18 anni tra gli italiani in Svezia, che riuniva nella chiesa di Sant’Erik, la cattedrale cattolica della capitale. Don Eraldo Carpanese guida la missione italiana fino al 1988, l’anno del rientro in diocesi. In maggio aveva ricordato i 60 anni di ordinazione. Lo ricordiamo nella preghiera.

In breve

Diocesi di Paderborn. Konrad J. Haase, dall‘inizio del marzo 2021 nuovo referente diocesano per le Comunità d’altra madre lingua, nella sua e-mail d’auguri natalizi alla Delegazione informa che da febbraio di quest’anno don Marco D’Orio, il successore di don Baxiu a Arnsberg/Neeheim, dovrebbe ricevere una collaboratrice pastorale.

Don Egidio Todeschini, responsabile della Missione Cattolica Italiana di Schaan-Marbach (Principato del Liechtenstein) fino al 31 dicembre, dal primo di gennaio è il nuovo Coordinatore nazionale per le Missioni Cattoliche di Lingua Italiana in Svizzera, nominato dalla Conferenza Episcopale Svizzera per il quinquennio 2022/2026. A lui i nostri migliori auguri di buon lavoro.

Il Concorso giovani, promosso dalla Missione di Moers con la collaborazione dell’Udep, non ha avuto la risonanza che ci si poteva aspettare, forse per la limitata pubblicità o lo scarso sostegno all’interno delle singole Comunità. I quattro partecipanti hanno comunque presentato contributi molto interessanti, che, oltre al premio, in data ancora da definire, meritano di trovare una ulteriore buona valorizzazione.

Il giornalista Giorgio Brignola, noto in particolare per la “rubrica sociale” che ogni mese cura sul Corriere d’Italia, festeggia nel 2022 i suoi 45 anni di ininterrotta collaborazione con la nostra testata. Agli auguri che tanti lettori gli stanno mandando, aggiungiamo anche il più vivo grazie della Delegazione. La pandemia non permette particolari iniziative, ma la seduta redazionale (da remoto) del 20 gennaio sarà dedicata a lui, in aggiunta all’intervista sul primo numero del CdI del nuovo anno.

Fachtagung ecumenico sulla migrazione. La recente pubblicazione ecumenica (Gemeinsames Wort) “Migration menschenwürdig gestalten” (del 21 ottobre 2021, DBK/EKD), commentata sul CdI di novembre da don Giovanni Ferro, è stata presentata e discussa giovedì 16 dicembre 2021 in una apposita giornata di studio. In allegato il comunicato stampa che riassume le riflessioni principali.

L’Assemblea delle Comunità, prevista per il 21-24 marzo 2022, a Wiesbaden-Naurod, presso il Wilhelm-Kempf-Haus, avrà luogo non dal vivo ma online. La situazione attuale non ci permette di confermare la casa. Abbiamo preferito pagare ora una piccola penale piuttosto di costi molto maggiori se aspettavamo ancora. Il Consiglio di Delegazione definirà il programma nel suo incontro in videoconferenza del 18 gennaio.

La Mci di Amburgo ha festeggiato il 70° di fondazione: sabato sera 8 gennaio con il concerto di “Anonimo Siciliano” e cena; domenica 9 gennaio con santa messa alle 18.00 – che doveva essere presieduta dall’arcivescovo Heße, ma una imprevista indisposizione lo ha bloccato – seguita alle 19.00 nel salone della Missione dalla proiezione di un video di testimonianze, e quindi da un buffet a cura dell’Associazione Cuochi Italiani. Sul numero di gennaio del CdI trovate una intervista di Paola Colombo al missionario don Pierluigi. Tanti auguri.

La Missione di Coblenza, se non fosse stata chiusa nel 2011, l’anno scorso avrebbe compiuto 60 anni. Vito Contento, assistente sociale attivo nella comunità italiana fin dalle sue origini, sta raccogliendo diverse testimonianze, per una pubblicazione che ricordi questo anniversario.

Auguri di guarigione, veloce e completa, a P. Antonino Grassia, ricoverato nelle feste natalizie in ospedale e grazie alla Missione di Pforzheim che ha aiutato quella di Mülhacker. Grazie anche alla comunità di Darmstadt che ha aiutato ad Hanau nei giorni di Natale, data l’assenza di p. Antonio Gelsomino, in Italia per motivi familiari.

Auguro a tutti un buon 2022, nella speranza che, con il vaccino e la dovuta collaborazione di tutti, riusciamo a vincere definitivamente questa pandemia, ormai prossima al secondo anniversario. La salute, l’impegno pastorale e la benedizione del Signore ci accompagnino per tutto l’anno. Cari saluti.

p. Tobia Bassanelli, Delegato

ps: passare la circolare (per e-mail o stampata) a tutti i collaboratori pastorali assunti della Comunità

Allegati: circolare 1/2022; programma 2022; studio ecumenico sulle migrazioni; corso per le coppie; risultati consultazione; premio a don Aiello; lettera Migrantes