Circolare 2/2020

378

Carissimi,

fra una settimana, anche la stagione del carnevale è già passata. È una stagione molto sentita nei Länder cattolici della Germania ed in parecchie città vissuta alla grande. Anche le nostre Comunità non sono estranee alle feste carnevalesche, specie in questi ultimi giorni. A tutte auguro di riunire molti connazionali, per un simpatico e sereno svago all’italiana.

Don Antonio Federico è passato alla Missione di Mannheim – Dopo 20 anni di impegno pastorale nella Missione di Karlsruhe, dove operava dall’agosto del 2000, dal primo di febbraio don Antonio Federico è passato alla Missione di Mannheim, come “Kooperator” dell’Amministratore Pfr. Theo Hipp, che dal primo di giugno 2019 ha preso la responsabilità della Comunità italiana, succedendo a don Valerio Casula, che aveva terminato il suo secondo quinquennio di guida della Comunità italiana. Il decreto di nomina del 21 gennaio 2020, a cura del vescovo ausiliare Peter Birkhofer, incaricato per le Comunità d’altra Madre Lingua, oltre alle competenze pastorali che gli vengono assegnate come Vicario, descrive tutto l’ampio territorio della Missione di Mannheim, comprensivo dei decanati di Mannheim, Heidelberg-Weinheim, Wiesloch, Kreichgau, Mosbach-Buchen e Tauberbischofsheim. Delle 4 Comunità italiane della diocesi di Freiburg, è questa di Mannheim quella che registra la maggior presenza di italiani. A don Antonio i migliori auguri.

Don Waldemar nuovo Missionario a Karslruhe/Ettlingen. Dal primo febbraio 2020 la Comunità Italiana di Ettlingen/Karslruhe ha un nuovo Missionario, don Waldemar Massel. Succede a don Antonio Federico (vedi sopra), che ha cambiato Comunità. Lo ha nominato il vescovo ausiliare di Freiburg dr. Peter Birkhofer con lettera del 21 gennaio 2020. Don Waldemar, oriundo polacco e cittadino italiano dal 2012, incardinato dal 2008 nella diocesi di Civita Castellana, da alcuni mesi era a Colonia per lo studio della lingua tedesca. Qui si è esercitato nel lavoro pastorale con gli italiani, dando una grande contributo alla Missione locale, che ora ne sente la mancanza. È stato assunto come Vicario (del decano locale Hubert Streckert) per tutto il territorio che abbraccia i decanati di Karslruhe, Rastatt, Baden-Baden, Acher-Renchtal, Offenburg-Kinzigtal e Lahr. Con propria sede a Karlsruhe e Rastatt, questa Comunità viene al secondo posto in diocesi per la presenza di italiani (dopo Mannheim). Don Waldemar, che dovrà fare anche un Praktikum nella parrocchia tedesca di Karslruhe Allerheiligen per conoscere la pastorale diocesana e la chiesa locale, ha preso anche subito contatto con la Zona Centro, partecipando mercoledì 5 febbraio all’incontro a Wiesbaden. A lui i migliori auguri di trovarsi bene e di buon lavoro.

Zona Centro. Ritiro quaresimale sabato 29 febbraio a Mainz. Con inizio alle ore 9.30 e chiusura alle 16.30, ha luogo sabato 29 febbraio a Mainz, alla vigilia della Prima Domenica di Quaresima, un ritiro quaresimale per tutti i collaboratori pastorali della Zona Centro. Programmato in un primo tempo per la sola Missione di Mainz, il Convegno di Zona di mercoledì 5 febbraio ha deciso di estenderlo a tutti i collaboratori pastorali, anticipando a questo appuntamento la tradizionale Giornata di spiritualità per il laici tenuta in genere nella terza domenica di Quaresima. Centrato sul tema “Fiducia e misericordia. Le vie dell’amore infinito”, il Ritiro verrà predicato da don Pasqualino di Dio, direttore spirituale del Movimento Fraternità Apostolica della Divina Misericordia, molto conosciuto per l’animazione della Coroncina della Divina Misericordia in onda su Sat 2000 ogni giorno alle 15.00 da Gela. Le iscrizioni vanno fatte entro il 24 febbraio presso la Mci di Mainz (tel. 06131/224126, missione@mcimainz.de). Quota di partecipazione 5 euro.

Il Convegno dei Laici (24-26.4.20) su “L’autorità nella Chiesa” – In linea con la tematica scelta dalla Delegazione per il presente anno pastorale, anche il Convegno Nazionale dei Laici, che si terrà dal 24 al 26 aprile 2020 nella tradizionale sede al Bildungshaus Berg Moriah, orienta la riflessione su “L’autorità nella Chiesa”, il primo dei quattro temi su cui si concentra il “Cammino Sinodale”, della durata di due anni, avviato la prima domenica di Avvento e che ha già tenuto la sua prima assemblea plenaria a Francoforte dal 30 gennaio al primo febbraio 2020. Il Convegno verrà guidato dal prof. Marwan Youssef, con particolare riferimento al significativo episodio della lavanda dei piedi durante l’ultima cena: “Se io vi ho lavato i piedi…” (Gv. 13,14). L’impostazione del programma è quello nota, come pure le persone a cui è rivolto: i volontari della Comunità italiane in Germania. La quota di partecipazione è di 50 euro. Il resto dei costi viene diviso tra la Missione di appartenenza dei partecipanti e la Delegazione. Bisogna iscriversi entro il 30 marzo 2020, utilizzando la scheda che viene qui allegata assieme alla presentazione del Convegno da parte della Commissione Formazione e all’invito.

Al „Cammino Sinodale“ con Isabella Vergata, che vi partecipa per le Comunità d’altra Madre Lingua. Questa la sua testimonianza dopo la prima plenaria di Francoforte: „Meine Erwartungen an die Synodalversammlung wurden übertroffen! Ich wollte intensive, ehrliche und fruchtbare Gesprächsrunden und frischen Wind. Das alles und noch viel mehr habe ich in den letzten drei Tagen miterleben dürfen. Ein Querschnitt der Gesellschaft: Nicht Frauen und Männer, sondern „Geschwister“ verschiedenen Alters, Kleriker und Laien, Haupt- und Ehrenamtliche, jeder war repräsentativ anwesend. Ich durfte den Beirat Katholiken anderer Muttersprache vertreten und betonen, dass man sich beim Synodalen Weg der Kirche in Deutschland gemeinsam als Gemeinschaft auf den Weg machen muss. Die Kirche in Deutschland ist multikulturell und muss Gemeinden anderer Muttersprache mit an Bord holen. Gelernt habe ich: Kirche wird und muss eine neue Gestalt finden und annehmen. Ich habe eine Synodalversammlung erlebt, die alle Meinungen anhört und bereit ist einen Wandel zuzulassen. Die Versammlung wurde als „stärkstes Antriebsaggregat“ und „neues Format“ verstanden und man ist sich einig darüber, dass wir Diskussionen ohne Tabus brauchen und Beschlüsse, die Reformprojekte auf den Weg bringen. Zudem darf die kritische Anteilnahme der Medien nicht fehlen, um möglichst viele zu beteiligen, die Menschen zu erreichen und weiterhin transparent zu bleiben. Ich bin aus der Synodalversammlung gegangen, mit der Gewissheit, dass Kirche Entfaltung und Veränderung sein muss und wird. Ich freue mich auf die Ergebnisse der Synodalforen und sage: Ci vediamo a settembre!“ Al seguente link si può ascoltare il servizio sul “cammino sinodale” fatto da Paola Colombo per Radio Colonia: https://www1.wdr.de/radio/cosmo/programm/sendungen/radio-colonia/il-tema/sinodaler-weg-100.html

Novità nella Diocesi di Paderborn. Con lettera del 9 gennaio, il Referente per le Comunità d’altra madre lingua Pastor Pascal Obermeier ha annunciato che con il 31.01.2020 avrebbe terminato il suo compito in curia, per passare a tempo pieno nell’unità pastorale di Südlippe-Pyrmont. Fino a quando non ci sarà un successore, prega di rivolgersi al responsabile dell’Abteilung Gemeinde, il signor Stephan Lange, che provvisoriamente seguirà anche questo settore della pastorale. Questi i suoi recapiti: tel. 05251 1251596, email gemeindepastoral@erzbistum-paderbon.de. Obermeier ringrazia tutti per la collaborazione. Noi lo ringraziamo per tutto il suo generoso impegno. La curia inoltre informa che don Riccardo Baxiu, attuale missionario a Arnsberg-Neeheim, in Germania dal 1990 (prima a Dortmund e dal marzo del 1994 a Arnsberg), il 31 marzo cessa il suo rapporto di lavoro con la diocesi. In aprile don Baxiu compirà 86 anni. È rimasto così a lungo perché temeva che con la sua partenza la Missione venisse chiusa. In effetti era questo l’orientamento della diocesi, la quale però recentemente ha cambiato idea: don Riccardo avrà un successore.

Ricerca sulle Mci in Europa – Ci scrive P. Antonio Grasso dalla Svizzera: “Cari Missionari e coordinatori nazionali delle MCLI. Sono Padre Antonio Grasso, missionario scalabriniano e direttore della MCLI di Berna (CH). Dopo aver terminato il dottorato presso la facoltà di teologia di Friburgo in Svizzera sul tema ‘Comunità di linguaggio alla frontiera’. La parrocchia personale di lingua italiana di Basilea nell’angolo delle tre terre (cfr. https://schwabe.ch/9783796540684/antonio-grasso/comunita-di-linguaggio-alla-frontiera/ptd), sono stato invitato da don Gianni De Robertis, Direttore della Fondazione Migrantes italiana, a preparare una relazione per il prossimo Rapporto Italiani nel mondo 2020 e ad intervenire al prossimo Convegno europeo sulle MCLI, che si terrà il prossimo Ottobre. 

Per queste due ragioni vi chiedo di aiutarmi a raccogliere dei dati e delle informazioni per una visione più ampia possibile sugli sviluppi pastorali delle MCLI in Europa. Vi allego alcune domande che ho formulato. So che siamo tutti impegnati. Pertanto vi chiedo, se non avete tempo per rispondere in modo dettagliato, anche solo di darmi delle risposte brevi alle domande e di indicarmi delle fonti dove posso trovare maggiori informazioni in merito. 

Vi prego di farmi sapere se potete aiutarmi e con quale tempistica. Spero di poter contare sul vostro aiuto. Grazie e ogni bene. p. Antonio G.”. Per contatti diretti ecco la sua email

toniograsso@gmail.com. In allegato trovate il questionario proposto alle Mci d’Europa.

Corrispondenza. Dalla Missione di Fulda. “Carissimo Padre Tobia, desidero comunicarti con gioia che oggi al capitolo locale della fraternità dove vivo, otto frati su nove, hanno dato voto favorevole perché io possa avere ai capitoli locali della fraternità di Fulda voce in capitolo. Conosco questa fraternità da settembre 2015 e da allora ho sempre partecipato, nei limiti possibili, ai capitoli di informazione. Da gennaio 2019, partecipo anche ai capitoli locali in quanto vivo stabilmente qui. La cosa mi rende felice, ma ancora di più il fatto che ho il riscontro e fiducia positiva della fraternità dove attualmente vivo. Coltivo i contatti con i frati polacchi e quando posso vado anche da Giuseppe; a volte viene anche lui da me. Mercoledì 15.01.20, la fraternità è stata invitata dal vescovo in occasione del suo cinquantesimo compleanno a messa, al duomo e poi nel palazzo vescovile, insieme alla rappresentanza dei fedeli della chiesa territoriale ed io ho partecipato. Il vescovo mi ha detto che è felice del lavoro da noi svolto e che svolgiamo per i nostri fedeli italiani nella diocesi e della collaborazione con le comunità territoriali di zona. Ovviamente sono sempre della provincia San Michele Arcangelo ma a servizio della diocesi di Fulda. La fraternità locale e la diocesi di Fulda dall’inizio mi hanno accolto molto bene…Saluti Antonio Gelsomino”.  

Il card. Marx alle Missioni: „Grazie per la vostra presenza“. Da martedì 28 a giovedì 30 gennaio 2020 ha avuto luogo presso l’Exerzitienhaus Schloss Fürstenried a Monaco di Baviera l’annuale Jahrestagung dei Delegati e degli Sprecher delle Comunità d’altra madre lingua in Germania con i Referenti Diocesani responsabili del settore. Tra i temi centrali dell’incontro la pastorale giovanile, presentata da un intervento del vescovo di Passau Stefan Oster, presidente della Jugendkommission della Conferenza Episcopale Tedesca, e da una relazione di Eileen Krauß, referente per la pastorale giovanile della stessa. Nel secondo giorno dei lavori, mercoledì 29, ha presieduto l’Eucarestia il card. di Monaco e presidente della DBK Reinhard Marx, che nella predica e nel saluto alla conclusione della messa ha vivamente ringraziato i presenti e le rispettive Comunità per la presenza ed il lavoro nelle diocesi tedesche. “Ci aiutate a costruire la Chiesa che è in Germania”, ha detto con grata convinzione. Un riconoscimento che ci ha fatto estremamente piacere. Il giorno dopo, il card. Marx era a Francoforte, per aprire con una solenne concelebrazione la prima Assemblea plenaria del “Cammino sinodale”. In allegato trovate la breve scheda presentata dalla Delegazione al Convegno di Monaco.   

A Brescia scuola di formazione sulle migrazioni – Prende avvio il 3 aprile a Brescia la Scuola di formazione integrata sulle migrazioni “Coesione, Innovazione e Società plurali”. che punta a coniugare la sfida posta dalle migrazioni con la centralità delle comunità locali attraverso il potenziale delle metodologie pedagogiche critiche e quello progettuale dell’innovazione sociale. Un percorso biennale di studio che parte dall’analisi delle debolezze strutturali della gestione dei processi migratori e si proietta verso la ricerca e l’accompagnamento di modalità alternative possibili, efficaci e sostenibili. Si offre come laboratorio per lo studio e la produzione di cultura per tutti quei soggetti che su base territoriale sono direttamente coinvolti nella definizione delle politiche, delle strategie e degli interventi connessi con l’accoglienza dei migranti, la coesione sociale e lo sviluppo locale. Un’opportunità per pubblici amministratori, dirigenti, docenti, direttori di strutture di accoglienza, operatori sociali e sanitari, studenti e ricercatori e cittadini impegnati per rafforzare e mettere a sistema nuove competenze per stringere le maglie della coesione sociale e costruire comunità in cui le persone non siano solo soggetti da includere, accogliere, assistere, bensì riconosciuti, in prima istanza, come donne e uomini portatrici di competenze. Per maggiori informazioni “Coesione, innovazione e società plurali”

In breve

Diocesi di Rottenburg/Stuttgart – Dal 15 di febbraio 2020 don Charles Chukwuka Unaeze è il nuovo responsabile delle Comunità S. Antonio da Padova di Esslingen e S. Francesco di Assisi di Wernau. Dalla stessa data don José Mukendi Sambay, congolese di origine ed incardinato nella diocesi italiana di Lanciano-Ortona, è il nuovo rettore delle Comunità di Maria SS. Immacolata ad Aalen e S. Giovanni Bosco di Schwäbisch Gmünd. Ad ambedue un cordiale saluto di benvenuti nelle rispettive Comunità ed i più fervidi auguri.

Kassel. Enza Palú, segretaria della Missione di Kassel dagli anni ‘90, è andata in pensione. Con la morte di don Capannolo nel 1997 e la nomina del missionario spagnolo don Cesar Menacho ad amministratore della Comunità italiana, dal giugno del 1997 Enza aveva assunto anche la responsabilità delle attività pastorali, rimastale fino ad oggi, all’arrivo di fra Gelsomino ed ora di fra Tomiri. La festa di addio a Enza ha avuto luogo domenica 16 febbraio, con la s. Messa alle ore 10.45 nella cappella St. Elisabeth a Kassel, cui è seguito un rinfresco nel ristorante San Marino. Per l’occasione è stato dato anche il benvenuto ufficiale al nuovo Missionario fra Giuseppe Tomiri, che dal febbraio 2019 ha preso la direzione delle Comunità italiane di Stadtallendorf e di Kassel. Cara Enza, un immenso grazie.

Nomine. P. Gustavo Rodriguez Juares è stato nominato, a partire dal 2 dicembre 2019, Pfarrvikar col titolo di parroco delle Comunità di Stoccarda dirette dei Padri Scalabriniani “Sangiorgio” (Stuttgart-Mitte) e “Buon Pastore” (Stuttgart-Stammhein). Benvenuto e auguri.

Offenbach. La collaboratrice pastorale della Missione di Offenbach Cornelia Krückhans

dal 1.1.2020 è stata assunta come Gemeindereferentin. La diocesi di Mainz, in seguito alle scuole fatte, al lavoro pastorale e la frequenza dei Convegni della Delegazione, ha accolto la sua richiesta e le ha riconosciuto questo titolo pastorale, evento che ha festeggiato con la Comunità domenica 2 febbraio. Congratulazioni e auguri.

Referendum. A questa pagina web del Ministero degli esteri e della cooperazione internazionale sono riportate informazioni sul voto all’estero per il referendum costituzionale:

https://www.esteri.it/mae/it/servizi/italiani-all-estero/referendum-costituzionale-2020

Il testo è strutturato sotto forma di “domande e risposte” e fornisce utili informazioni per tutti i connazionali residenti o temporaneamente soggiornanti all’estero.

Attenzione ai diritti d’autore. La Missione di Friedrichshafen ci comunica di aver pagato più di 3.000 euro per un volantino su Terra Santa, con parecchie foto prese da Google, messo sul proprio sito senza tener presente l’Urheberrecht. Anche la Mci di Augsburg si trova con lo stesso problema: stessa agenzia, stesso avvocato. Il CdI sta avendo pure problemi per una foto inviata da un collaboratore. Consigliamo quindi prudenza con le foto prese da Internet e di fare attenzione ai diritti d’autore. In caso di problemi, affidare il tutto all’ufficio legale delle rispettive diocesi, già pratiche di queste vicende giudiziarie

Per gli iscritti agli Esercizi spirituali. Come arrivare alla casa degli Esercizi? Per chi va in macchina, non ci sono problemi, basta seguire il navigatore. Chi va con i mezzi pubblici, trova sicure e chiare informazioni a questo link: https://www.exerzitienhaus.org/anfahrt/. Buon viaggio ed a presto.

Convegno Europeo di Roma – Ho mandato recentemente a tutte le Comunità il programma e la scheda di iscrizione al Convegno Europeo del 20-23 ottobre a Roma. Per coloro che vogliono solo iscriversi ma senza pernottamenti, la Migrantes mi ha mandato questa ulteriore scheda che allego.

„L’italiano lingua di comunione“. Caterina Ferrini, ricercatrice all’Università IUL di Firenze, sta scrivendo un contributo per il Rapporto Italiani nel Mondo 2020 dal titolo “italiano lingua di comunione”. Ha scambiato con me una breve telefonata sulla collettività italiana in Germania. Segnalo il link al questionario per chi è disponibile a collaborare alla sua ricerca:

https://docs.google.com/forms/d/17My6YRRxqPT-UHn0bK78-7oyNURfJdbuddh67eobfzE/edit.

Fra una settimana siamo già al Mercoledì delle Ceneri, all’inizio della Quaresima. Con l’augurio che apriamo bene questo nuovo periodo liturgico, e lo viviamo con intensità, attenti anche agli impulsi spirituali che verranno dalle lettere quaresimali dei rispettivi vescovi diocesani, porgo un caro saluti a tutti. Lieti ultimi giorni di carnevale, buona apertura della Quaresima.

 p. Tobia Bassanelli, Delegato