Circolare 09.2019

74

Carissimi,

da anni il mese di settembre è il mese del Convegno Nazionale, dedicato quest’anno alla nostra responsabilità nei confronti della società civile, di cui facciamo parte e nella quale siamo chiamati ad essere, secondo l’immagine usata da Gesù, “sale della terra”. Come? Per di più in una società che non è quella di origine. Al Convegno dovremo trovare alcune risposte pratiche, convincenti e pertinenti.

CN 2019: il saluto del vescovo ausiliare di Colonia – Non potendo intervenire al nostro Convegno Nazionale a Bergisch Glabach, il vescovo ausiliare di Colonia incaricato per la “Internationale Kath. Seelsorge”, mons. Dominikus Schwaderlapp, ha mandato un messaggio augurale, a nome anche del cardinale Woelki. Dopo aver ricordato brevemente la storia della Mci di Colonia, partendo addirittura dal 1941 con con il cappellano militare p. Turinetti, scrive: “Sono contento che a Colonia, Bonn, Düsseldorf, Wuppertal e Solingen, abbiamo sacerdoti impegnati, che lavorano nella pastorale per gli italiani ed amministrano loro i sacramenti. Solo nel territorio di Colonia vivono 56.000 fedeli. Le Comunità italiane sono molto conosciute per la impressionante processione del Venerdì Santo, con la rappresentazione delle stazioni della via crucis”. Rifacendosi al tema del Convegno “sale della terra”, continua: “In questi tempi non sempre facili per la Chiesa siamo invitati a mantenere il nostro ‘sapore’, la nostra identità per il mondo di oggi. Le persone devono capire che noi apparteniamo a Gesù. Lo devono vedere dalle nostre buone opere e ascoltare dalle nostre parole”. E conclude: “Auguro che le nostre missioni italiane siano sempre in modo nuovo sale della terra, che mantengano sapore per il mondo odierno, come hanno sempre saputo farlo nei decenni passati”.

I criteri del Papa per l’immigrazione. In una intervista al quotidiano “La Stampa” del 9 agosto, sul tema migranti il Papa dice che “mai bisogna tralasciare il diritto più importante di tutti: quello alla vita. Gli immigrati arrivano soprattutto per fuggire dalla guerra o dalla fame, dal Medio Oriente e dall’Africa. Sulla guerra dobbiamo impegnarci e lottare per la pace. La fame riguarda principalmente l’Africa. Il continente africano è vittima di una maledizione crudele: nell’immaginario collettivo sembra che vada sfruttato. Invece una parte della soluzione è investire lì per aiutare a risolvere i loro problemi e fermare così i flussi migratori”. Per Papa Francesco i criteri da seguire sono: ricevere, accompagnare, promuovere e integrare. Le porte “vanno aperte, non chiuse”. Allo stesso tempo, i governi “devono pensare e agire con prudenza, che è una virtù di governo. Chi amministra è chiamato a ragionare su quanti migranti si possono accogliere”. E quando il numero di persone superiore alle possibilità di accoglienza la soluzione è il dialogo con gli altri Paesi: “Ci sono Stati che hanno bisogno di gente, penso all’agricoltura. Ho visto che recentemente di fronte a un’emergenza qualcosa del genere è successo: questo mi dà speranza”. Il Papa parla poi di creatività: “Per esempio, mi hanno raccontato che in un paese europeo ci sono cittadine semivuote a causa del calo demografico: si potrebbero trasferire lì alcune comunità di migranti, che tra l’altro sarebbero in grado di ravvivare l’economia della zona”.

Il 28 settembre riparte il Corso di teologia per i laici. La Scuola di Teologia “Edith Stein”, che cura la formazione teologica dei laici nella Zona Centro, sabato 28 settembre 2019 riapre i battenti. Il programma, mandato dalla coordinatrice Teresa Sepe (tel. 0176 32653804) già prima delle ferie, prevede l’avvio del secondo anno del biennio alle ore 9.30 (fino alle 13.30), sempre presso la Missione di Mainz (Emmeransstr. 15). Le lezioni hanno luogo una volta al mese, da settembre a maggio, sempre di sabato, e sono tenute dal prof. Marwan Youssef, da pochi mesi missionario a Lippstadt. Il tema di questo secondo anno è: “Le due fasi dell’unica ed eterna Alleanza, feste ebraiche e feste giudeo-cristiane”. La lezione del 28 settembre verte sulla “alleanza tra Dio e il suo popolo”. Quella del 26 ottobre affronterà il “rapporto tra il primo e il secondo Testamento”. Nelle successive lezioni verranno tematizzate tra l’altro le grandi feste della Pasqua e della Pentecoste. La quota di iscrizione per l’anno 2019/2010 è di 10 euro; il contributo di partecipazione è di 5 euro a lezione. In allegato trovate la lettera di presentazione e il programma. Le Missioni della Zona Centro sono pregate di dare una adeguata informazione sul corso.

Zona Centro: giornata per i volontari il 3 ottobre – Fedeli alla tradizione della Zona che dedica la Festa dell’Unità tedesca del 3 ottobre alla formazione dei collaboratori pastorali, il Coordinamento della Zona Centro (Sor Nancy e Georg Feller) invita le Missioni del Centro Germania a mandare i membri dei propri Consigli ed i collaboratori pastorali all’incontro che si terrà giovedì 3 ottobre 2019 presso la Missione di Frankfurt/Nied (Nieder Kirchweg 12) dalle ore 9.30 alle 16.30. Le elezioni dei nuovi CP nelle diocesi di Mainz, Limburg e Fulda il 9/10 novembre prossimo hanno consigliato di scegliere come tema “Il Consigliere: un membro attivo e responsabile della sua comunità”. Dopo l’accoglienza e la preghiera di apertura, introdurrà il tema una riflessione di don Danilo Dorini su alcuni brani del nuovo testamento. Prima del pranzo è prevista adorazione e la recita del rosario. Nel pomeriggio i lavori continuano in assemblea. La giornata verrà conclusa con la s. messa alle 15.30. Le iscrizioni vanno fatte entro il 29 settembre alla Mci di Ffm-Nied (tel 069-15391890). È richiesta una quota di partecipazione di 5 euro, inclusiva del pranzo.

Meeting Giovani della Zona Sud il 12 ottobre – Con una email del 19 agosto a tutte le Mci della Zona Sud, il team meeting zonale informa, come programmato in giugno ad Aschaffenburg, che sabato 12 ottobre verrà organizzato presso le Comunità di Reutlingen e Metzingen il Meeting Zonale. È previsto in primo luogo per ragazzi tra i 14 ed i 18 anni, ma non sono esclusi gli accompagnatori e giovani fino ai 30 anni. Allegati alla email la lettera di presentazione ed il volantino (ambedue anche qui in allegato). L’incontro si terrà presso la chiesa St. Johannes Bosco di Riederich, nella Weiherstr. 15, con inizio alle ore 9.00, sul tema “In missione per conto di Dio”. È chiesto un contributo di partecipazione di 5,- euro. Le iscrizioni vanno fatte al seguente link https://bit.ly/32yDGTB entro il 28 settembre. Ulteriori informazioni si possono avere agli indirizzi mci.giovani.sud@gmail.com o mci.giovani@gmail.com. “Vuoi scoprire qual è la tua ‘missione per conto di Dio’? – si legge nel volantino -. E ‘missione’ non è solo il luogo fisico della tua fede, ma anche il progetto di vita che il Signore ha in mente per te. Hai un cuore sufficientemente ‘impavido’ per scoprirlo?”. Gli altri appuntamenti giovanili di zona saranno a Düsseldorf il 5 ottobre (Zona Nord) ed a Mainz il 19 ottobre (Zona Centro).

Klein-Italien mitten in Mainz”: è il titolo dell’articolo che il settimanale della diocesi di Mainz “Glaube und Leben” del 25 agosto 2019 dedica alla Comunità Italiana di Mainz. L’articolo, corredato anche da quattro foto, tra cui quella dei due missionari salesiani polacchi don Marek e don Adamiak, occupa tutta la pagina e mette bene in risalto non solo la dimensione religiosa, ma anche quella culturale, sociale, umana. Accanto al lavoro del personale assunto (i due missionari, il collaboratore pastorale Antonio Caponegro e la segretaria Laura Rossi), è messo in rilievo l’attività del volontariato (come la pensionata Laura Mosconi). Accanto ai corsi di catechismo ed ai momenti liturgici, non sono dimenticate le altre molteplici attività della Missione ed i vari gruppi, dai giovani agli anziani, dal corso di ballo a quello di tedesco, questo in particolare per aiutare i nuovi arrivati dall’Italia. In Missione c’è molta vita, specialmente al fine settimana: ci si incontra sia per la formazione che per lo svago. “Una piccola Italia nel cuore di Mainz”, che sa ospitare anche croati, polacchi, e altri. 

Svizzera: il “Corriere degli italiani” ha un nuovo direttore. Con la ripresa delle pubblicazioni cartacee dopo la pausa estiva, il “Corriere degli Italiani”, settimanale di lingua italiana in Svizzera, il corrispettivo del nostro “Corriere d’Italia” in Germania, ha cambiato direttore. Dal primo di agosto – informa l’articolo di apertura della testata – “Valeria Camia, al giornale in veste di opinionista e articolista da quasi due anni, è il nuovo direttore”. Assume l’eredità di Renzo Sbaffi, che “per oltre un ventennio ha retto le sorti giornalistiche del CdI”. A lui va il ringraziamento dell’editore, l’Associazione Corriere degli Italiani, e della redazione. Ed a Valeria “i migliori auguri di buon successo e buon lavoro”. A lei è affidata anche la responsabilità del nuovo sito online del Corriere, andato in rete nel mese di luglio e diventato su Internet il “Corriere dell’Italianità” (www.corriereitalianita.ch). Ai colleghi della Svizzera, che ammiriamo per essere riusciti a mantenere la cadenza settimanale della pubblicazione cartacea, i nostri migliori auguri.

Deceduto p. Alessandro Rossi, ex missionario in Germania. Martedì 23 luglio, all’età di 82 anni, è deceduto p. Alessandro Rossi, missionario scalabriniano che ha dedicato tutta la sua vita agli italiani all’estero. Nato a Montichiari (Brescia) il 26 agosto 1936, a vent’anni ha fatto la sua prima professione. Ordinato sacerdote a Piacenza il 17 marzo 1972, nello stesso anno inizia a lavorare alla Missione di Solothurn/S. Gallo, in Svizzera. In Germania arriva nel 1965, alla Mci di Stuttgart/Bad Cannstatt (nella diocesi di Rottenburg/Stuttgart). Nel 1970-71 è alla Missione di Monaco. Dopo lo studio a Parigi e un anno al Centro studi di Basilea, ritorna in Germania nel 1974, dove opera in diverse Missioni: a Waiblingen (1974-1983), a Colonia (1984-1985, formazione adulti), a Oberhausen (1985-1987), a Stoccarda (1987-1991, all’Astea), di nuovo a Waiblingen (1991-1997), ancora a Colonia (1997-2000 per la Mci Rhein. Bergischer Kreis) e, dopo sei anni a Parigi, nel 2006 torna a Monaco di Baviera, dove resta fino al 2012, l’anno del rientro in Italia. “Sono stato migrante tra i migranti per cinquant’anni della mia vita di prete missionario – ci scriveva nella sua lettera di addio il 25 agosto del 2012– con frequenti spostamenti, come un classico migrante, sempre alla ricerca del meglio”. E concludeva: “Arrivederci: irgendwann, irgendwo! Spero, comunque, nella patria definitiva che il Padre riserva a coloro che egli ama, al termine di questo pellegrinaggio nel tempo”. Ora questa patria p. Rossi l’ha raggiunta. Gli giunga la nostra riconoscenza per i tanti anni di generoso impegno pastorale in numerose Comunità italiane in Germania. (in allegato l’articolo che gli ha dedicato La Voce del Popolo del 24 luglio).

In breve. La diocesi di Limburg ha assunto una nuova Pastoralreferentin, la signora Gwendolyn Rojas Tänzer, che dal primo di agosto lavora alla Comunità Cattolica Italiana Hochtaunus/Main-Taunus in Bad Homburg. Benvenuta tra noi e buon lavoro.

Mci-Dreieich. Il vescovo ausiliare e vicario generale di Mainz dr. Udo Markus Bentz ha confermato Vincenzo Linardi come diacono permanente con occupazione civile della Comunità Italiana di Dreiech, con il mandato, tra l’altro di predicare (missio homiletica) e di celebrare matrimoni.

La Missione di Saarbücken cerca un/a nuovo/a collaboratore/trice pastorale (Gemeindereferent/in, Pastoralreferent/in), al posto di Monika Gilde, dal primo agosto passata alla diocesi di Erfurt. Per informazioni, segnlazioni o candidature rivolgersi al missionario don Paolo Santoru (0681-7534111, ufficio@mcisb.de) o in Delegazione.

Francoforte. In occasione della festa della natività della Beata Vergine Maria (8 settembre), la Presidenza del Consiglio delle Comunità d’altra madre lingua della diocesi di Limburg invita le Missioni al tradizionale appuntamento liturgico (Messa presieduta dal vescovo ausiliare dr. Thomas Löhr, processione e benedizione eucaristica), con successivo internazionale buffet, che avrà luogo sabato 7 settembre 2019, alle ore 15.30, nella chiesa Mutter vom Guten Rat (Bruchfeldstr. 51) a Frankfurt-Niederrad.

Stoccarda: con il 31 agosto il padre scalabriniano Emmanuel Cerda Aguilera ha terminato il suo lavoro pastorale nelle Comunità S. Giorgio (Stuttgart-Mitte) e Buon Pastore (Stuttgart-Stammheim), assegnato dall’Istituto alla comunità spagnola di Berna (CH). Dovrebbe arrivare presto un altro confratello colombiano, p. Gustavo. Grazie p. Emmanuel e buon lavoro a p. Gustavo.

All’imminente Convegno Nazionale di Bergisch Gladbach (16-19 settembre 2019) sarà presente il Direttore Generale della Migrantes don Giovanni De Robertis, che terrà una relazione mercoledì mattina. Il suo intervento sarà preceduto dal saluto del collega tedesco, il Nationaldirektor für die Ausländerseelsorge dr. Lukas Schreiber. Ottima occasione per un loro primo scambio di idee sulla Bilaterale del 26 maggio 2020 a Roma.

In attesa di vedere molti di voi al Convegno Nazionale, invito tutti a seguire con attenzione questi appuntamenti della Chiesa in Germania: la comune Conferenza dei rappresentanti della DBK e del ZdK il 13-14.09.19 a Fulda e l’Assemblea plenaria della DBK il 23-26 settembre a Fulda, che, con l’Assemblea Plenaria del ZdK il 22-23 novembre a Bonn, definiranno i prossimi passi del cammino sinodale tedesco.

Buon inizio del nuovo anno pastorale e cari saluti.

p. Tobia Bassanelli, Delegato