Circolare 08.2019

354

Carissimi,

per tanti di noi le ferie sono ora solo un ricordo. Speriamo bello. Per altri…esistono solo in agosto. Per molti connazionali infatti, pure da decenni in Germania, agosto non ha ancora perso il suo mitico fascino legato per eccellenza al periodo della vacanza estiva, con al centro la festività del Ferragosto, che affonda le sue radici addirittura nella Roma imperiale. E che in Italia è l’apice della cultura del riposo festaiolo, qui in Germania un giorno come tanti altri.

La Chiesa tedesca in cifre. La Chiesa in Germania continua a perdere membri. Le nuove statistiche rese note il 19 luglio, sono riprese anche da un breve servizio dell’agenzia stampa italiana Sir. “Sono 23.002.128 i membri della Chiesa cattolica in Germania e rappresentano il 27,7% della popolazione tedesca. Le statistiche relative al 2018, pubblicate dalla Conferenza episcopale, raccontano una Chiesa che nelle 27 diocesi e arcidiocesi in cui è suddiviso il Paese, vive attraverso le 10.045 parrocchie (con un calo rispetto alle 10.191 del 2017, per via delle ridefinizioni in corso nelle diocesi). I sacerdoti sono 13.285 (erano 13.560 l’anno prima), di cui 6.672 sono sacerdoti diocesani. Ad assisterli nel ministero pastorale ci sono 3.327 diaconi permanenti (19 in più rispetto al 2017), 3.273 assistenti pastorali (di cui 1.495 donne e 1.778 uomini) e 4.537 assistenti di comunità (donne 3.558, uomini 979 – 20 in meno del 2017). Ci sono poi in Germania 3.668 religiosi e 14.357 religiose. C’è stato un lieve aumento di matrimoni (42.789 nel 2018, mentre nel 2017 erano stati 42.523); 167.787 i battesimi (nel 2017 erano 169.751), 171.336 le prime comunioni (178.045 nel 2017) e 243.705 sepolture (2017: 243.824). Sono entrate a far parte della Chiesa 2.442 persone (nel 2017: 2.647) e sono ritornate a farne parte 6.303 (2017: 6.685). Il dato più eclatante però è il numero di coloro che hanno deciso di “uscire” dalla Chiesa: sono state 216.078 persone nel 2018, contro i 167.504 l’anno precedente”. L’opuscolo della DBK, con statistiche più dettagliate, è al sito https://www.dbk.de/presse/aktuelles/meldung/kirchenstatistik-2018/detail/. In allegato il testo in tedesco.

Appello a Mattarella per fermare l’ecatombe nel Mediterraneo – La senatrice emerita Lidia Menapace, padre Alex Zanotelli, missionario comboniano, e tante altre persone e varie associazioni, chiedono al Presidente della Repubblica di intervenire per far cessare l’ecatombe nel Mediterraneo. Di seguito il testo dell’appello: “Egregio Presidente della Repubblica, fermi l’ecatombe in corso nel Mediterraneo richiamando il governo al dovere di soccorrere i naufraghi, di salvare le vite umane in pericolo. E‘ il governo italiano, che da un anno sta facendo di tutto per impedire che i naufraghi siano soccorsi e recati in salvo nel nostro paese, il primo responsabile della mattanza di esseri umani nel Mediterraneo: potrebbe salvarli tutti, ed invece decide di farli morire. Chiunque lo vede, chiunque lo sa. Tacere significa essere complici di un immane massacro. Lei è il Presidente della Repubblica, il primo magistrato del nostro paese: nelle forme previste dall’ordinamento, nel pieno adempimento dei suoi doveri istituzionali, intervenga per far cessare la strage, intervenga per impedire altre morti di esseri umani innocenti ed inermi. Dal profondo del cuore la preghiamo. Augurandole ogni bene”. Seguono le firme di quanti sostengono l’appello. Per adesioni: centropacevt@gmail.com. Per scrivere direttamente al Presidente della Repubblica: dalla home page del sito www.quirinale.it cliccare sull’icona della busta postale in alto al centro e successivamente compilare il format.

Cambiamenti in due MCI della diocesi di Freiburg – P. Maria Arokiadoss Antonyraj, operativo nella Missione di Pforzheim dal 15 gennaio 2014, dal primo di settembre inizia a lavorare nell’Unità Pastorale della città, alle dipendenze del decano Bernhard Ihle, per le parrocchie di St. Franziscus, Herz Jesu, Liebfrauen, St. Antonius, St. Bernhard e St. Elisabeth. La Comunità Guanelliana si arricchisce comunque di un nuovo confratello, p. Desmomd Uce, che da luglio ha iniziato a studiare il tedesco a Freiburg, per un anno, per poi trasferirsi definitivamente a Pforzheim. La Missione di Mannheim, da giugno retta dal parroco Pfr. Theo Hipp, che parla molto bene l’italiano, a ottobre riceverà il nuovo missionario, don Sebastiàn Frias, della diocesi di Coira (Svizzera).

“Migranti e Religioni”: un convegno CEI a Roma – 12 Luglio 2019 – L’Ufficio Nazionale per l’Ecumenismo e il Dialogo Interreligioso della Conferenza Episcopale Italiana, insieme ai rappresentanti delle Chiese cristiane che sono in Italia – Amministrazione delle Parrocchie del Patriarcato di Mosca in Italia, Arcidiocesi Ortodossa di Italia e Malta del Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli, Chiesa Apostolica Armena d’Italia, Chiesa d’Inghilterra, Diocesi Copto Ortodossa di San Giorgio Roma, Diocesi Ortodossa Romena d’Italia, Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia – organizza un convegno di studi sul tema “Migranti e religioni”. “Vorremmo – si legge in una nota – fare un discorso positivo sull’immigrazione, evitando fake-news e dibattiti solo negativi, evidenziando il valore degli immigrati che sono nel nostro paese ed anche il contributo che le religioni, nelle loro diverse espressioni, danno per rendere possibile la convivenza nella diversità”. Il convegno si terrà dal 18 al 23 novembre 2019 e vi interverranno studiosi ed esponenti delle diverse confessioni cristiane.

Eurobarometro: immigrazione prima preoccupazione. L’immigrazione “resta la preoccupazione principale a livello di UE e compare nel 34% delle risposte, nonostante il forte calo (-6 punti percentuali dall’autunno 2018)”. Lo attesta la nuova indagine Eurobarometro, ripresa da Migrantes Online. Nella quale si legge ancora: “I cambiamenti climatici, che nell’autunno del 2018 si collocavano al quinto posto, sono ora la seconda preoccupazione principale dopo aver subito un’impennata (+6 dall’autunno 2018)”. Tre cause di preoccupazione registrano percentuali identiche: la situazione economica (18%, percentuale invariata), lo stato delle finanze pubbliche degli Stati membri (18%, -1) e il terrorismo (18%, -2), seguite dall’ambiente, che rappresenta la preoccupazione principale per il 13% dei rispondenti, con un aumento di 4 punti percentuali”. La disoccupazione, che occupa ora la settima posizione a livello di Ue (12%), resta la preoccupazione principale a livello nazionale (21%, -2 punti percentuali), insieme a prezzi in aumento/inflazione/costo della vita (21%, percentuale invariata) e a sanità e sicurezza sociale (21%, +1)”. Ambiente, clima e questioni energetiche seguono a ruota e segnano un forte aumento (20%, +6). L’immigrazione, indicata dal 17% dei rispondenti (-4 punti percentuali dall’autunno del 2018 e -19 dall’autunno 2015), per la prima volta dalla primavera del 2014 non rientra fra le tre preoccupazioni primarie a livello nazionale. La situazione economica è al sesto posto (16%, +1).

Il numero di giugno di “Migranti press” è tutto dedicato alla Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, che verrà celebrata il 29 settembre 2019. Il numero viene aperto dal messaggio del Papa per questa Giornata, cui ha dato questo titolo: “Non si tratta solo di migranti”. Segue il commento del presidente della Cei per le Migrazioni e della Fondazione Migrantes mons. Guerino Di Tora, che porta il titolo “L’attenzione verso gli ultimi diventa crescita globale”. Una riflessione di p. Camillo Ripamonti e diversi sussidi (una preghiera per la Giornata, spunti per l’omelia e la preghiera dei fedeli, una veglia di preghiera, un sussidio catechetico) costituiscono altri contenuti importanti del mensile, per aiutare a rendere la Giornata un momento significativo nelle comunità parrocchiali. In fondo alla pubblicazione il resoconto delle offerte raccolte nelle Giornate del Migrante degli anni precedenti. Il numero contiene inoltre alcuni allegati: il manifesto della Giornata, un volantino che presenta la Fondazione Migrantes, con allegato vaglia per sostenerla, ed un fascicolo con una favola di Silvia Rizzato dedicata alle “finestre dei vicini”.

In breve. Con decreto del vescovo di Limburg dr. Georg Bätzing del 5 agosto 2019, in vigore dal primo di ottobre 2019, don Gregorio Milone, fino al 30 settembre missionario di Esslingen e Wernau, è stato nominato parroco della Comunità Italiana di Limburg. Grazie per la disponibilità a cambiare e vivi auguri.

La Migrantes informa che don Filippo Salerno, nato a Gela il 10/11/1961, della diocesi di Piazza Armerina, ordinato il 15/06/1985, è disponibile fino a tutto settembre a sostituzioni estive, in ogni parte della Germania. Il ministero in questi anni l’ha svolto come parroco in parrocchia e in ospedale. Per contatti: Mail mailto:filippo.salerno04@gmail.com, cellulare 0039 348/0985884

Da giovedì 1° agosto sulle frequenze di Radio Mater vanno in onda le preghiere del Vespro (alle ore 17) e della Compieta (alle 22.30) prodotte dall’Ufficio Liturgico Nazionale della Conferenza Episcopale Italiana. Prossimamente si aggiungeranno anche l’Ufficio delle Letture, le Lodi e l’Ora Terza. „Per Radio Mater – ha detto don Mario – è una grandissima opportunità, perché gli ascoltatori potranno pregare in unità con la Chiesa Italiana e sentire la presenza della Chiesa stessa ancora più vicina e madre“.

In occasione del 160° anniversario della morte del Curato d’Ars, Papa Francesco ha scritto ai sacerdoti, ringraziandoli per il loro impegno pastorale e stimolandoli ulteriormente nel servizio sacerdotale. La lettera in italiano si trova a questo link: http://w2.vatican.va/content/francesco/it/letters/2019/documents/papa-francesco_20190804_lettera-presbiteri.html. La lettera in tedesco a questo link: https://www.vaticannews.va/de/papst/news/2019-08/papst-franziskus-brief-preister-dank-schmerz-lob-vianney.html 

La lettera del Papa al “popolo di Dio che è in cammino in Germania”, già segnalata nella circolare di luglio nella versione tedesca, in italiano si può trovare a questo sito: http://w2.vatican.va/content/francesco/it/letters/2019/documents/papa-francesco_20190629_lettera-fedeligermania.html

Stiamo per stampare l’Indirizzario 2019/2020: prego di mandare subito in segreteria correzioni e aggiornamenti, in ogni caso non oltre il 20 agosto.

A pochi giorni dalla solennità dell’Assunta, auguro che questa festa, oltre a confermarci nella futura patria presso Dio, ci aiuti a scoprire la bellezza del cielo che è in noi. Un caro saluto a tutti.

p. Tobia Bassanelli, Delegato