„Ci cercava tutti“. Ricordo di don Santi Mangiarratti

41
Don Santi Mangiarratti con Angela Saieva ©Saieva

Angela Saieva ricorda don Santi Mangiarratti che ha guidato la MCI di Pforzheim per oltre vent’anni – Per ventidue anni don Santi Mangiarratti ha guidato con amore, affetto, spiritualità e grande dedizione pastorale, la Missione Cattolica Italiana di Pforzheim. Lo scorso 5 settembre si è spento a Marsala. Era rientrato in Italia nel 2015, perché in pensione, ma niente e nessuno aveva fermato la sua vocazione pastorale. Instancabile continuava a essere presente, verso gli ultimi e i bisognosi ovunque si trovava, e continuava a essere vicino alla comunità italiana di Pforzheim e dintorni, ogni volta che risaliva in Germania. Era sempre presente per tutti, e non solo nei ventidue anni in missione. Don Santi Mangiarratti, salesiano, ha sempre cercato di affrontare e risolvere le difficoltà e i problemi dei connazionali emigrati; era sempre disposto a essere vicino, a dare una parola di conforto; allo stesso tempo riusciva a coinvolgere la comunità in una costruttiva partecipazione. È stato l’esempio di vero buon “padre” che accoglie i suoi figli, con tutti i loro pregi e i loro difetti. Ci ha educati fin laddove ha potuto ma, soprattutto e principalmente, è stato colui che ha saputo tenere sempre tutti uniti, anche i più supponenti e più sprovveduti: ti richiamava se in chiesa entravi con un chewing gum, se non seguivi il salmo o se una donna entrava, come diceva lui, con il suo “balconcino” vistoso… ma la Barfüßerkirche, la Chiesa per antonomasia degli italiani a Pforzheim, era sempre gremita in ogni sua piccola o grande celebrazione: festività, ricorrenze, il 50°della MCI di Pforzheim e poi ancora, nel saluto di commiato prima della sua partenza.

Ricco di spirito, passione e tanta iniziativa con lui nulla passava inosservato. Don Santi ci cercava. Sì, ci cercava tutti e se non eri presente, ti veniva a cercare fino a casa, per vedere cosa fosse successo. Abbiamo avuto il piacere ma anche l’orgoglio di incontrarlo e di essere presenti ogni volta che lui ci chiamava. Lo ricordiamo sorridente, premuroso, composto anche quando scorgevi nei suoi occhi preoccupazione o tanta tristezza, specie quando uno dei nostri connazionali veniva chiamato al Padre. Don Santi Mangiarratti si è fatto amare e apprezzare per la sua generosità e noi, a quest’umile uomo, vogliamo dare un ultimo saluto, ricordandolo con il suo stesso sorriso e la serenità che ci ha generosamente regalato in tutti questi anni di devoto servizio pastorale nella MCI di Pforzheim, senza mai nulla pretendere in cambio, se non di dare attenzione ai più bisognosi. Tra gli innumerevoli scatti abbiamo scelto un evento a lui tanto caro (poiché era l’ultima sua presenza ufficiale per poi entrare in pensione) quella fatta in occasione della “Passione Vivente” portata in scena a Pforzheim dal gruppo teatrale pastorale di don Gregorio Milone, attuale Delegato delle Missioni Cattoliche Italiane in Germania e Scandinavia.
I funerali di don Santi Mangiarratti si sono svolti nella chiesa dei salesiani di Catania. La salma è stata tumulata nella loro cappella. La comunità di Pforzheim e la redazione TeleVideoItalia.net si uniscono al cordoglio della famiglia di don Mangiarratti e lo accompagnano con la preghiera, nel suo nuovo viaggio.


Leggi anche: Addio a don Santi Mangiarratti | Delegazione-mci

Di Angela Saieva leggi: I padri guanelliani, gli pforzheimerini e la loro Missione | Delegazione-mci