Celebrazione multietnica alla MCI di Hanau

134
Multiethnischer Gottesdienst - Hanau 2021
Un momento della celebrazione ad Hanau, ©Archivio MCI Hanau

Domenica 25 luglio si è celebrata la Santa Messa nella chiesa parrocchiale dove risiede la comunità cattolica italiana di Hanau. La celebrazione è stata presieduta dall’amministratore parrocchiale Patrick Prähler che ha salutato la sua comunità perché la diocesi lo ha trasferito presso una delle chiese parrocchiali più belle della diocesi di Fulda, il duomo di Fritzlar.

Di padre Antonio Gelsomino

Quest‘anno pastorale per lui non è stato un anno facile per due motivi: è subentrato con l’obbedienza, al parroco che a causa di un incidente, infermo e convalescente non ha potuto più animare quella comunità, e poi per il periodo storico difficile che è quello della pandemia. A quella Santa messa sono affezionato in maniera particolare perché è costituita da un‘assemblea internazionale: africani, vietnamiti, polacchi, russi, spagnoli. portoghesi, sud americani e nel periodo estivo anche gli italiani.

La Santa Messa è stata animata dall’organista del duomo di Fritzlar che con l’ausilio di una solista di origine polacca ha elevato lo spirito e l‘animo dell’assemblea intera.

L’amministratore parrocchiale che conosco dal 2019 mi ha sempre trasmesso, mentre celebra la fedeltà all’appartenenza del Signore, Gesù Cristo per il bene della comunità.

Al centro il parroco Patrick Prähler e il terzo da destra, padre Antonio Gelsomino

È bello constatare che ci sono preti innamorati della propria vocazione e della spiritualità! Con questa celebrazione ho subito pensato alle bellissime celebrazioni comunitarie tenute nella chiesa parrocchiale di Sant‘Antonio in Foggia con la mia prima fraternità!

Ringrazio Dio per quella fraternità perché non sarei stato fedele e quello che sono ora lo devo anche a loro! Grazie Padre Paolino Castrillo e Padre Anto. Pregate per tutti i sacerdoti e noi garantiamo la nostra preghiera. Ringrazio anche i frati della mia attuale fraternità del convento di Fulda che per me sono una forza per poter proseguire nel percorso missionario intrapreso con gli italiani in Germania. (p. Antonio Gelsomino)