Delegazione MCI

Circolare Nr. 9/2013

Carissimi,

alla vigilia della Pentecoste, il pensiero non può che andare al fondamentale ed insostituibile ruolo dello Spirito Santo nella Chiesa, nelle Comunità, nella nostra vita cristiana. Preghiera ed augurio non possono avere che questo obiettivo: una sua presenza sempre più robusta ed efficace, ovunque.

L’emigrazione come “luogo di teologia - L’idea mi aveva già affascinato anni addietro, in un incontro europeo con alcuni teologi, perché – su sollecitazione della Migrantes - sviluppassero un filone di riflessione teologica sulla mobilità umana. E mi ha incuriosito anche recentemente, partecipando al Seminario “Zieh weg in das Land…das ich dir zeigen werden. Migration als Ort der Theologie”, promosso martedì 14 maggio 2013 dall’Institut für Weltkirche und Mission della Facoltà Teologica Sankt Georgen di Francoforte, su iniziativa di p. Tobia Keßler, della locale comunità internazionale degli Scalabriniani e collaboratore stretto dell’IWM. È il Concilio che ci ha insegnato e vedere nei “segni dei tempi”, all’interno della vicenda umana,  il luogo dove Dio realizza e manifesta il suo progetto di salvezza. E la mobilità umana è sicuramente il fenomeno che più di tutti caratterizza l’oggi del mondo, e quindi esprime la presenza e l’operare di Dio.

Progetti di caritá: finanziamento con l’otto per mille – In occasione della riunione del Consiglio di Amministrazione della Migrantes (martedì 7 maggio 2013 a Roma) sono stati illustrati i progetti di carità giunti alla Migrantes (dall’Italia e dall’estero) da presentare alla CEI al fine di ottenere un sostegno con i fondi dell’otto per mille (la quota Irpef dei contribuenti italiani che possono liberamente destinare alla Chiesa e ad altri Enti riconosciuti). Molte nostre Comunità portano avanti iniziative di solidarietà con i più poveri (mense, ecc.) o progettano azioni specifiche per i gruppi più deboli (disoccupati, ecc.). Chi ha bisogno di un sostegno economico per l’avvio o la realizzazione di progetti di solidarietà, si ricordi che quna possibile strada da percorrere è la presentazione del progetto alla Migrantes.

18-20 maggio, fine settimana…intenso – L’appuntamento con la solennità della Pentecoste, oltre alle liturgie locali è accompagnato in diverse Zone da iniziative e tradizioni comuni. Tra le altre ricordo: ultimo appuntamento 2013 del Corso di Teologia nella Zona Centro (il 18-19 maggio, presso la Mci di Dreieich), sul tema “Eucarestia, festa dell’incontro”. Il relatore è p. Giulio Madona, che animerà anche la Giornata di Spiritualità del Lunedì di Pentecoste, il 20 maggio, presso la Mci di Rüsselsheim, dove da anni si incontrano i Gruppi di Preghiera, i Movimenti religiosi e le persone interessate ad una occasione di riflessione e di preghiera. Anche questa giornata è dedicata al tema della Eucarestia come luogo dell’ascolto e dell’incontro, mensa della Parola imbandita dal Risorto. Nella Zona Sud invece, in particolare nella diocesi di Rottenburg-Stuttgart, il Lunedì di Pentecoste è dedicato ad un grande pellegrinaggio: le Comunità italiane si trovano al noto Santuario di Zwiefalten, quest’anno per la 25ma volta. A tuttte queste iniziative di formazione e di fede auguro una piena riuscita.

Riunione della Commissione Convegno Nazionale – Per martedí 28 maggio 2013, alle ore 10,00, è stata convocata presso la Comunità di Ludwigshafen la riunione della Commissione incaricata di preparare il Convegno Nazionale 2013 (che avrà luogo il 16-19 settembre, a Ludwigshafen), sul tema del Dialogprozess della Chiesa tedesca “la liturgia”. Si tratta di fissare il titolo definitivo, lo svolgimento delle giornate ed i relatori. Fan parte della Commissione il delegato p. Tobia, il vicedelegato mons. Donatelli, don Ferro, p. Mietek e Antonio Caponegro, ma è evidente che tutti possono mandare suggerimenti e proposte. Il Convegno Nazionale, oltre all’approfondimento del tema, ha il compito di valutare l’anno pastorale 2012-2013 e di programmare le iniziative a livello nazionale dell’anno pastorale 2013-2014, il cui successo dipende sempre dalla comune volontà pastorale che c’è dietro.

In arrivo in Germania l’Opera Don Guanella (Guanelliani) – Con il compimento del 75° anno di età, nella diocesi di Freiburg si decade automaticamente da ogni diretta responsabilità nella Comunità parrocchiale. Ecco perché don Santi, che il 14 novembre compirà 75 anni, guiderà la Mci di Pforzheim ancora e solo fino a tutto il 2013. La responsabilità della Missione verrà poi presa, agli inizi del 2014, da due sacerdoti dell’Opera Don Guanella (Servi della Carità), p. Baniak e p. Antonyraj, che nelle rispettive nazioni (Polonia e India) si stanno preparando a questo compito con lo studio del tedesco. Verranno in Germania a fine giugno/inizi luglio, per continuare l’apprendimento della lingua nell’apposito Istituto della Diocesi a Friburgo. Da mesi sono in corso tra Diocesi, Delegazione e Guanelliani, contatti e incontri per preparare in modo adeguato la successione e il cambio. Lunedì 6 maggio ho visitato la Curia Generalizia dei Guanelliani a Roma, incontrando il Superiore Generale don Alfonso Crippa ed il Consigliere Generale p. Luigi De Giambattista, incaricato tra l’altro per l’Europa e per l’apertura di nuove comunità guanelliane. Con l’arrivo di un nuovo istituto religioso, dalla spiritualità e dal rispettivo lavoro di carattere spiccatamente sociale, si arricchisce di un nuovo prezioso carisma la presenza italiana in Germania. Al riguardo, per maggiori informazioni sulla Congregazione, si può visitare il sito www.guanelliani.org.

Allego il programma del Meeting Giovani 2013 (sabato 15 giugno a Mainz), con l’auspicio che siano molte le Comunità che possono essere presenti con almeno uno-due giovani.

Augurando una Pentecoste che ravvivi in tutti noi l’appartenenza alla Chiesa e doni il conforto della silenziosa ma efficace presenza dello Spirito nella nostra vita e nelle nostre Comunità, porgo a tutti cari saluti e tanti auguri buon lavoro pastorale.

 p. Tobia Bassanelli, delegato

 

Deutsche Bischofskonferenz
Chiesa Cattolica Italiana
Bistums Limburg
Corriere d'Italia