Delegazione MCI

Circolare Nr. 13/2013

Carissimi,

il mese di ottobre è noto come il mese mariano (dedicato al Santo Rosario: il 7 ottobre si festeggia la Madonna del Rosario, la prima domenica di ottobre si recita la Supplica alla Vergine del Santo Rosario di Pompei, il 13 ottobre è l’anniversario dell’ultima apparizione della Madonna di Fatima) e missionario (la Giornata Mondiale Missionaria è stata fissata per la penultima domenica di ottobre; per Giovanni Paolo II “costituisce l’apice della festa della cattolicità e della solidarietà universale”; qui in Germania si celebra l’ultima domenica, 27 ottobre). Ed ecco la solita breve carrellata di informazioni.

In distribuzione il nuovo indirizzario 2013-2014. Stiamo spedendo a tutte le Missioni il nuovo indirizzario, aggiornato alla fine di agosto 2013. Chi trova correzioni da fare o integrazioni da aggiungere, le segnali subito in segreteria, in modo che l’edizione online (sul sito della Delegazione) sia subito messa in ordine. Ne mandiamo due copie per Comunità: chi ne ha bisogno di altre, non ha che da richiederle.

Il nostro Convegno Nazionale 2013 (a Ludwigshafen, 16-19 settembre) ha registrato una buona partecipazione e ottime relazioni (che pubblicheremo negli Atti). Molto interessanti anche le visite al santuario mariano di Oggersheim ed alla chiesa greco-ortodossa di Ludwigshafen, dopo la chiusura del Convegno. Qui allego il comunicato stampa (in italiano e tedesco) e la mia relazione, in modo che anche chi non era presente può avere un’idea dei temi trattati, delle proposte uscite, della programmazione a livello nazionale dell’anno pastorale 2013-2014 (in allegato pure tutti i rispettivi appuntamenti). Poiché gli incontri di categoria hanno limitato il dibattito sulla relazione del Delegato, ne continueremo l’approfondimento negli incontri di Zona del prossimo mese.

P. Gildo si è congedato da Colonia – Dopo 22 anni di lavoro pastorale tra gli italiani di Colonia, domenica 29 settembre, con la messa delle 11,00 nella chiesa di St. Mariä Himmelfahrt, p. Gildo si è congedato dalla Comunità. Più che un addio, preferisce dire che ha festeggiato i suoi 45 anni di sacerdozio, dei quali 25 trascorsi in Germania (di cui 3 a Stoccarda nel 1969-1971) e, se si esclude un anno a Roma, tutti in emigrazione (gli altri 19 trascorsi in Svizzera). Ora è definitivamente a Roma, nella casa generalizia degli Scalabriniani, dove opera come Consigliere Generale. Gli rinnoviamo la nostra gratitudine ed i migliori auguri per il nuovo importante incarico. Come facciamo i migliori auguri al suo successore alla guida della grossa Comunità italiana di Colonia, p. Valerio Farronato.

L’addio alle suore di Stoccarda – Con una solenne e assai partecipata s. messa nella chiesa di St. Georg, presieduta da p. Sartori Daniele con sette concelebranti, e seguita da una simpatica festa di addio nel salone parrocchiale, le quattro Comunità italiane di Stoccarda hanno salutato e si sono congedate sabato 21 settembre dalle tre suore della Divina Volontà (Suor Maria Lorenza, Suor Gaetana e Suor Giuliana), che dopo tanti anni di dedizione pastorale tra i connazionali hanno lasciato la Germania perché richiamate dall’Istituto ad altri compiti. Commovente l’affetto e la gratitudine della gente, chiaro segno che hanno saputo creare famiglia con tutti. Rinnoviamo il nostro più sentito grazie. E buon rientro.

I nuovi arrivi – Per fortuna non ci sono solo partenze. Al Convegno Nazionale abbiamo potuto festeggiare anche due nuovi arrivi: don Calogero La Loggia (a Göteborg, in Svezia, e don Adam, a Rosenheim). Don Calogero ha fatto il suo ingresso ufficiale il 10 settembre, presentato dal Delegato e dal vescovo di Stoccolma mons. Arborelius, che dopo la Messa e prima della festa ha benedetto la lapide in ricordo del 60° della Missione, collocata all’ingresso della St. Josef Kapell. Don Adam, che ha iniziato il suo lavoro con il primo di settembre, farà l’ingresso ufficiale domenica 13 ottobre. Presenti al Convegno inoltre i due recenti “acquisti” di Francoforte, don Danilo Dorini (Ffm/Nied e Bad Homburg) e don Francesco Casa (Ffm/Mitte) che dopo lunghi mesi di duro studio del tedesco, ora possono entrare nel pieno (o quasi) dell’attività pastorale. A tutti: benvenuti e buon lavoro.

Al voto 5,8 milioni di tedeschi con origini straniere: è il numero dei “Deutsche mit Migrationshintergrund” chiamati alle urne domenica 22 settembre 2013 per le elezioni federali. Rappresentano il 9% del corpo elettorale. 3 milioni sono donne (51,2%) e circa 534.000 votavano per la prima volta. Negli ultimi anni è in crescita la richiesta del passaporto tedesco. Nel 2012 più di 112.300 stranieri hanno avuto il passaporto tedesco, il 5,1% (5.400) in più rispetto all’anno precedente. Al primo posto troviamo i turchi (33.200), seguiti dagli immigrati della ex-Iuguslavia (6.100) e dalla Polonia (4.550). Dopo il quarto posto dei Greci (con un aumento dell’82%), troviamo sorprendentemente gli italiani (2.200), che in un anno registrano un aumento del 29%. Il leggero aumento ( + 196.000 persone) nel 2012 della popolazione in Germania (80,5 milioni di persone) è dovuto all’immigrazione (che nello stesso anno ha avuto un saldo positivo di 369.000 persone).

Presentato il Rapporto Italiani nel Mondo 2013 – Giovedì 3 ottobre la Migrantes ha presentato a Roma il Rapporto 2013 sugli Italiani nel Mondo. Per ulteriori dettagli rimando al sito della Migrantes, al Corriere d’Italia e al Webgiornale. Qui ricordo solo uno dei tanti articoli del volume, quello dedicato alla Missione Cattolica Italiana di Ludwigshafen, a cura di mons. Silvano Ridolfi. Chi vuol far la presentazione del rapporto nella propria zona, o desidera segnalare possibili temi “tedeschi” per la prossima edizione, può prendere direttamente contato col Direttore Generale della Migrantes mons. Perego o con la curatrice del rapporto dott.ssa Delfina Licata.

Diocesi Rottenburg-Stuttgart: P. Daniele Sartori si dimette da Sprecher degli italiani – Con lettera del 7 ottobre al Referent diocesano ed alla Delegazione, lo Sprecher e Delegato della Zona Sud p. Daniele Sartori si è dimesso da Sprecher diocesano dei collaboratori pastorali italiani e di conseguenza (dal momento che i due compiti sono uniti) da Delegato della Zona Sud. La motivazione addotta: il nuovo incarico a St. Georg, in aggiunta a quello nella sua Comunità del Buon Pastore, non gli permette più di mantenere gli impegni nel Priesterrat e nel Diözesanrat. Rispettiamo la decisione di p. Sartori e gli siamo grati per la serietà con cui ha fatto fronte ai suoi impegni in Diocesi e nel Consiglio di Delegazione. La Diocesi dovrebbe ora avviare le consultazioni per trovargli un successore.

Deceduta la mamma di Mauro Montanari – Venerdì scorso 4 ottobre 2013 è deceduta a Bologna la signora Elia Maria, di 79 anni, la mamma di Mauro Montanari, il responsabile del Corriere d’Italia e delle Edizioni della Delegazione. La signora Montanari era da tempo malata di cancro, ma non ci si aspettava una morte così ravvicinata. Il funerale ha avuto luogo ieri, lunedì 7 ottobre. A Mauro le più vive condoglianze della Delegazione e di tutti i lettori delle nostre pubblicazioni, unitamente al ricordo nella preghiera.

Le ricevute/Bescheinigung della Delegazione – Mi scrive Thomas da Waiblingen: “Ho ricevuto la Bescheinigung über Sonderausgaben in occasione del convegno. Secondo me questo documento aiuta a una Steuerhinterziehung, perchè è un documento per risparmiare le tasse personali. Sono convinto che quasi tutti ricevano i costi del convegno direttamente dalle loro diocesi, così esiste nessun Sonderausgabe. Per esempio nella nostra diocesi restituiscono la metà dei costi del convegno ed il prezzo intero del viaggio. Perchè si spedisce questo documento per incassare una seconda volta? Non basta a ricorrere sulla coscienza personale, più o meno diamo la mano a una corruzione nascosta. C'è anche un obbligo di un'onestà comunitaria”. Questa la mia risposta: “Penso sia nostro dovere rilasciare a tutti coloro che partecipano alle nostre attività una certificazione delle spese sostenute (quelle versate alla Delegazione). Ognuno poi la utilizza se e secondo come gli serve. Non tutte le diocesi rimborsano, in ogni modo  non tutte allo stesso modo e mai le spese complessive. I volontari (qualcuno è sempre presente) non ricevono alcun rimborso. Chi lo utilizza per il conguaglio tasse, è chiaro che tra gli introiti deve aggiungere il contributo percepito dalla diocesi. Starei pertanto ben attento di parlare di "aiuto alla Steuerhinterziehung". Ognuno ha diritto, quando compra qualcosa o paga un servizio, ad avere la rispettiva ricevuta (resta libero di rinunciarvi, o ad utilizzarla se gli serve, o almeno a tenerla come documentazione che ha pagato). Comunque potremmo cambiare sistema: rilasciare la Bescheinigung solo a quelli che la richiedono; ma mi sembra di complicare solo la procedura...E se non educhiamo noi e ci fidiamo noi della coscienza individuale, chi dovrebbe farlo?”

Augurando un buon mese missionario, tanti cari saluti a tutti.

p. Tobia Bassanelli, Delegato, Frankfurt 08.10.2013

Deutsche Bischofskonferenz
Chiesa Cattolica Italiana
Bistums Limburg
Corriere d'Italia