Delegazione MCI

Circolare 11/2017

Carissimi,

siamo entrati nel mese di novembre, il mese dedicato alla commemorazione dei defunti. Funerali e messe di suffragio ci portano in chiesa tanti fedeli, che spesso non vediamo mai. Sono queste delle buone occasioni sia per star vivino a chi soffre, sia per ricordare il nucleo centrale della nostra fede, la morte e la risurrezione di Gesù, la vita eterna nella casa del Padre.

Anno pastorale 2017-2018 dedicato ai giovani – Si è riunito nei giorni 9-10 ottobre ad Aschaffenburg, presso la Fraternità Francescana di Betania, il Consiglio di Delegazione, che ha confermato la decisione, presentata in occasione del CN delle Mci al Kloster Schöntal, di dedicare l’anno pastorale 2017-2017 ai giovani, visto che il Sinodo dell’ottobre 2018 sarà centrato su questo tema. Anche per questo motivo, il primo punto all’ordine del giorno è stata data la parola a loro. Isabella Vergata, che mantiene la responsabilità della Commissione Meeting Giovani, ha presentato il nuovo rappresentante dei giovani nel CdD, Raffaele Garofalo (Mci di Colonia) e la sua sostituta, Claudia Albino (Mci di Mainz). Ambedue, unitamente alla Commissione Meeting, si sono detti disponibili a partecipare ai Convegni di Zona, e iniziative simili, per affrontare assieme agli operatori pastorali delle Mci i vari aspetti dell’ampia tematica del mondo giovanile, in particolare in relazione alla trasmissione dei valori cristiani ed al loro coinvolgimento nella Comunità parrocchiale.

Gli Esercizi Spirituali del 2018 – Come da tradizione, gli Esercizi Spirituali per gli operatori pastorali delle nostre Comunità (sacerdoti, suore, laici assunti e volontari) si svolgono sempre nella prima settimana di Quaresima, che in quest’anno cade nei giorni 19-23 febbraio 2018. Si terranno presso la Abtei Münsterschwarzach, nella diocesi di Würzburg, e saranno predicati da mons. Agostino Superbo, arcivescovo emerito di Potenza-Muro Lucano-Marsiconuovo, sul tema: “Sulle orme del discepolo amato” (cf Gv 1, 36-39). Gli incontri degli Esercizi saranno modulati come „Lectio divina“ di vari passi biblici. Nei prossimi giorni verranno inviati l’invito ed il programma, con la preghiera agli interessati ad iscriversi il più presto possibile. Le iscrizioni si chiuderanno domenica 17 dicembre, in modo che entro Natale potremo mandare alla casa degli esercizi la lista degli iscritti.

Gevelsberg si prepara al cambio del Missionario – Con la festa di sabato 21 ottobre la Missione di Gevelsberg ha chiuso le iniziative per celebrare i 50 anni di Fondazione. Queste erano iniziate domenica 29 gennaio e proseguite con diverse altre manifestazioni, tra cui le visite del vescovo diocesano Franz-Josef Overbeck e del Nationaldirektor Stefan Schohe. Ora la Comunità si prepara alle elezioni del Consiglio Pastorale (il 12 novembre) ed al cambio del Missionario. P. Roy è stato infatti destinato dal suo Istituto ad un altro compito, nel convento a Colonia. Il suo posto verrà preso da p. Alex, pure del Kerala e dei padri Carmelitani, che ha studiato a Roma per 3 anni ed in India insegnava l’italiano ai ragazzi. È già sul posto, ma il cambio ufficiale (in novembre/dicembre) non è ancora stato fissato.

Riuniti i Delegati delle MCI Europa a Roma – Nel pomeriggio di lunedì 16 ottobre ha avuto luogo il primo incontro dei Delegati/Coordinatori Nazionali delle Missioni Cattoliche Italiane in Europa con il nuovo Direttore Generale della Migrantes don Giovanni De Robertis. Era un incontro di conoscenza reciproca. Ogni Delegato ha presentato brevemente il proprio lavoro, la situazione degli italiani nel rispettivo Paese, in particolare la pastorale portata avanti nelle Comunità. È stata una panoramica molto interessante, che ha messo in rilievo il lavoro comune ma anche le notevoli diversità, in particolarmente l’orientamento in corso nelle Conferenze espiscopali europee. In Belgio, per esempio, è stata soppressa la Delegazione e chiuse tutte le Missioni: il rispettivo personale, con la cura pastorale dei credenti d’altra madre lingua, è passato alle parrocchie locali. Don Giovanni ha segnalato i sacerdoti disponibili a lavorare all’estero. È stato preso l’impegno di accompagnare, almeno nei primi mesi, i nuovi missionari, per superare l’impatto dell’inserimento e aiutarli a conoscere bene il luogo di arrivo. Nei giorni 27-28 febbraio 2018 avrà luogo la Consulta, per la cui organizzazione i Delegati sono stati invitati a dare suggerimenti.

Presentato il Rapporto Italiani nel Mondo 2017 – Dal 2006 al 2017 la mobilità italiana è aumentata del 60,1%, passando da poco più di 3 milioni a quasi 5 milioni di iscritti. Lo rileva il nuovo Rapporto Italiani nel Mondo della Migrantes, presentato a Roma martedì 17 ottobre. Al primo gennaio 2017 gli italiani all’estero iscritti alla rispettiva anagrafe (Aire) erano 4.973.942, pari all’8,2% degli oltre 60,5 milioni di residenti in Italia. L’aumento dei connazionali nel mondo negli ultimi cinque anni è stato del 14,5% e del 7,2% nell’ultimo triennio. Nel 2016 sono espatriate 124.076 persone, di cui 19.178 in Germania, al secondo posto dopo il Regno Unito (24.771) e prima della Svizzera (11.759). Oltre la metà dei cittadini italiani all’estero (2.684.325 milioni) risiede in Europa (54,0%). I primi tre paesi con le comunità più numerose sono: l’Argentina (804.260), la Germania (723.846) e la Svizzera (606.578). Per quanto riguarda la provenienza regionale, la maggioranza degli iscritti all’Aire viene dal meridione (50,1%), seguono le regioni settentrionali (34,8%) e quelle del Centro Italia (774.712). La presentazione del Rapporto in Germania, promossa dalle Acli-BW, sarà sabato 2 dicembre, alle ore 16.00, presso la Comunità S. Giorgio di Stoccarda-Centro. Chi desidera avere il volume, ed anche organizzare una presentazione, si metta direttamente in contatto con la Migrantes.

Arrivano i Convegni di Zona (6-9 novembre) – Prendono il via lunedì 6 novembre, con il Convegno della Zona Sud (che si terrà presso la Comunità di Stuttgart-Bad Kannstadt), gli Incontri di Zona delle Mci, particolarmente importanti perché chiamati a varare le iniziative zonali del nuovo anno pastorale. Martedì 7 tocca alla Zona Nord (incontro ad Amburgo, nell’anno delle celebrazioni del 65° della Misssione), mercoledì 8 alla Zona Centro (riunione ad Aschaffenburg, presso la Fraternità Francescana di Betania). Infine giovedì 9 novembre si riunisce la Baviera, presso la Comunità di Norimberga. Tra le proposte cui bisognerà dare una risposta, il CdD chiede: c’è interesse per un Convegno Nazionale (o Convegni Zonali) dei catechisti/e? È possibile riprendere antiche tradizioni di zona come le Giornate dei chierichetti e dei cresimandi? Nel passato, l’iniziativa veniva presa da una Comunità, che poi allargava l’invito a tutte la altre. Resta poi sempre molto attuale e valida la proposta delle Commissione Meeting Giovani di fare incontri di giovani nelle varie zone. Sarà la volta buona?

I cambiamenti nella diocesi di Rottenburg-Stuttgart – A partire dal 20 di novembre, don Milolo Shambuyi sarà il nuovo parroco delle Comunità Italiane “Il buon Pastore” in Bietigheim-Bissingen e “Santo Padre Pio” in Markgröningen. È stato nominato con decreto vescovile del 25 settembre e succederà a don Jean Bosco Baribeshya, chiamato a fare il rettore del seminario minore nella diocesi di origine, in Ruanda, a seguire i seminaristi e ad insegnare filosofia. Le messa di addio (e di ingresso di don Milolo) sarà sabato 18 novembre alle ore 17.00 a Bissingen e domenica 19 alle 18.00 a Markgröningen (chiesa Hl. Geist).

P. Daniele Sartori comunica i cambiamenti nella Comunità Scalabriniana: P. Sandro Curotti (Pfarrvicar alle Missioni Stuttgart-Mitte e Stuttgart-Stammheim) è rientrato in Italia, a Piacenza, nella Casa Madre, per il meritato riposo pensionistico (80 anni il 27 dicembre). Prossimamente verrà in Comunità per imparare intanto il tedesco p. Emmanuele Cerda Aguillera, che ha concluso gli studi teologici a Roma ed ora è in attesa del visto per la Germania.

Con la fine dell’anno p. Edward Nocun, redentorista, chiamato ad altro incarico (in Svizzera) dal suo Provinciale, cesserà il suo servizio pastorale nelle Comunità di Tuttlingen e di Rottweil. Con il primo gennaio 2018 il suo posto dovrebbe essere preso da don Stan-William Ede, che giovedì 16 novembre verrà presentato in Diocesi.

A chi parte la più viva gratitudine per il lavoro fatto, a chi arriva i migliori auguri.

Deceduto don Luigi Loda, ex Missionario a Göttingen - Lunedì mattina 16 ottobre è giunta la triste notizia che don Luigi Loda, alla bella età di 91 anni, si era spento. Nato il 23 luglio 1926 a Collebeato (Brescia) e operaio fino a 19 anni, è stato ordinato sacerdote il 29 giugno1958 ad Asti. Dopo alcuni impegni nell’Istituto in Italia tra gli Oblati di S. Giuseppe (come insegnante, reclutatore di vocazioni ed economo), nel 1972 è venuto in Germania, alla Missione di Coblenza (diocesi di Trier). Dal 01.01.1975 assumeva la guida della Comunità di Göttingen (diocesi di Hildesheim), dove è rimasto per oltre 30 anni, fino al rientro in Italia, nell’ottobre del 2005, per motivi di età e di salute. Doveva occuparsi anche degli italiani di Einbeck, Hann, Münden, Osterode, Bad Gandesheim e Delligsen, con regolari liturgie e visite alle famiglie, oltre che aiutare la Comunità di Kassel. Era molto benvoluto e apprezzato da tutti i parroci tedeschi della zona, che sono andati anche a trovarlo in Italia. Il funerale, presieduto dal nuovo vescovo di Brescia Mons. Pierantonio Tremolada, ha avuto luogo mercoledì 18 ottobre, nella Chiesa parrocchiale del paese natio, dove è stato sepolto. Lo ricordiamo nella preghiera, assieme ai familiari, cui rinnoviamo la nostra vicinanza spirituale.

Deceduto p. Santo d’Accorso, ex Missionario a Calw – È deceduto sabato 14 ottobre 2017, all’età di 86 anni, in Sicilia, P. Santo D’Accorso. La messa di suffragio ha avuto luogo domenica 29 ottobre nella Liebfrauenkirche di Wildberg. Era nato a Leonforte (Enna) il 23.10.1931 e ordinato sacerdote nell’Ordine dei Cappuccini il 22.06.1958. Nell’estate del 1970, a Mönchengladbach per una sostituzione estiva, manifesta la disponibilità a lavorare nelle Mci. Il suo desiderio va in porto l’anno successivo, quando viene assegnato alla Comunità di Ludwigsburg (sede a Mühlacker) come cooperatore. Il primo ottobre 1973 diventa rettore della Missione di Heilbronn e nel 1980 di quella di Calw-Wildberg, dove resta fino al pensionamento, avvenuto il primo maggio 1995, anche per motivi di salute. Il suo forte legame con la diocesi di Rottenburg-Stuttgart si era espresso già dieci anni prima con la richiesta dell’incardinazione, accordatagli con decreto vescovile il 6 dicembre 1985. Anche se da anni in Sicilia, il suo generoso impegno pastorale continua a lasciare il segno, come riconoscono il decanato di Calw, la parrocchia Nagold-Wildberg e la Missione di Calw nella Traueranzeige. Lo affidiamo al Signore nella preghiera.

Stoccarda. Mons. Battista Mutti rientra in Italia – I parenti, con la scusa delle ferie, durante l’estate erano riusciti a portarlo a Clusone (Bergamo), dove ha un appartamento e dove ora ha deciso di trasferirsi. Mons. Battista Mutti, onorato dalla Diocesi di Rottenburg-Stuttgart con il titolo di Prelato e dallo Stato Tedesco con la Bundesverdienstkreuz, e da tanti altri riconoscimenti, ha 94 anni, è bisognoso di assistenza, ed ha deciso di tornare alcuni giorni a Stoccarda, per congedarsi ufficialmente dalla città e dalla Comunità, dove ha svolto il suo lungo e generoso servizio pastorale. La messa di addio sarà domenica 26 novembre, alle ore 10,45 nella Chiesa St. Nicola, nella zona dove abitava e dove, nonostante l’età ed i problemi connessi, continuava a celebrare la messa. Era giunto in Germania nel 1953 - ancora prima dell’accordo italo-tedesco che ha dato il via alle grandi migrazioni italiane verso questo Paese - per assistere i circa 5.000 connazionali residenti nel Baden-Württemberg ed aprire una nuova Missione, quella di Stoccarda, che poi ha retto fino al primo settembre del 2000, il giorno in cui ha chiesto di andare in pensione. Caro mons. Battista, il Signore ti accompagni ancora per tanti anni, ora in quel di Bergamo.   

Auguro alle Comunità un buon mese dedicato ai defunti. Cordiali saluti a tutti ed a presto.


p. Tobia Bassanelli, Delegato 

Deutsche Bischofskonferenz
Chiesa Cattolica Italiana
Bistums Limburg
Corriere d'Italia